AL DI LA' DELLA TAVOLA
Sommario
"Al di là della tavola"
  Sommario del sito Home page

PULIRE L'INTESTINO PER RITROVARE LA BUONA SALUTE
(seconda parte)

blink.gif Sommario blink.gif

ondulato.gif

IL SISTEMA COLON SUPRA

Liberamente tratto dal sito: www.ayurvita.it/colon.htm

PREMESSA immagini_tav/up.jpg

Il non pulire internamente il colon equivale ad avere l'intero personale addetto alla rimozione dei rifiuti urbani in sciopero.

Il colon costituisce il sistema drenante dell'organismo umano, ma se si lascia ristagnare il materiale di scarto, comincerà un processo di putrefazione che invierà materiale putrescente all'interno del circolo sanguigno.

Ne può conseguire un avvelenamento del cervello e del sistema nervoso, rendendo la persona irritabile e mentalmente depressa, provocando uno stato di indebolimento e di svogliatezza. Alcuni segni di questo stato di intossicazione dovuta al persistere di materiale putrescente all'interno del colon sono un cattivo funzionamento del sistema digerente con una conseguente tendenza al gonfiore addominale, a fenomeni di flatulenza, alito cattivo, lingua ricoperta da una patina bianca, acne e pelle opaca e poco tonica. In breve, ogni organo può venirne intossicato, si invecchia prematuramente, le giunture soffrono di questa intossicazione irrigidendosi, un senso di pigrizia si impadronisce della mente, e pertanto si crea un grosso limite alla gioia di vivere.

Un alimentazione basata su cibi non freschi, fritti, troppo cotti o troppo elaborati, l'uso eccessivo di farine non-integrali e di zuccheri raffinati, l'abuso di sale ed altre scorrettezze nel nostro nutrimento non favoriscono un funzionamento efficiente del colon, anche se pensiamo di avere regolari evacuazioni.

Anziché apportare nutrienti importanti per l'organismo si crea inedia del colon: pur passando materiale fecale non sarà in grado di "digerire" correttamente e quindi di permettere una completa assimilazione dei nutrienti. L'intestino tenue produce un manto di muco per proteggersi da cibi troppo manipolati, latte omogeneizzato, conservanti chimici ed altro materiale inquinante. Con il persistere di un'alimentazione scorretta questo manto di muco può divenire spesso e indurito come plastica.

A poco servirebbe spendere una fortuna in vitamine, erbe e cibi biologici se questo manto di muco troppo spesso ne impedisce il loro assorbimento.

L'AUTOINTOSSICAZIONE immagini_tav/up.jpg

L'autointossicazione è un processo mediante il quale il corpo si "autoavvelena" mantenendo un autentico "pozzo nero" di materiali in decomposizione all'interno del proprio colon. Questo pozzo nero interiore può contenere una concentrazione di batteri dannosi altrettanto alta quanto quella dei pozzi neri sotto una casa. Le scorie che vengono liberate dai processi di decomposizione batterica si introducono nel flusso sanguigno e viaggiano verso tutte le parti del corpo. In tal modo, ogni cellula all'interno del corpo può essere colpita e da ciò possono derivare molti tipi di problemi. Dal momento che l'autointossicazione indebolisce l'intero sistema, essa può essere la causa scatenante di ogni sorta di disturbi.

LA PULIZIA DEL COLON È SEMPRE NECESSARIA immagini_tav/up.jpg

La maggior parte dei problemi di salute, oggi diffusi nelle società industrializzate, è dovuta ad un cattivo stato di pulizia intestinale! (dott. Bernard Jensen in Intestino libero, Macro Edizioni).

La maggior parte dei disordini comincia nel tratto intestinale, si diffonde attraverso il sangue alla pelle e alle ghiandole linfatiche ed infine arriva ad invadere i tessuti profondi. Il cibo all'interno dell'intestino, se non viene digerito in modo corretto si trasforma in veleno. Quel veleno produce tossine che aggravano gli umori intestinali.

Durante il processo della digestione il cibo ingerito va incontro ad una serie di trasformazioni. Per prima cosa esso viene odorato, gustato e masticato. Il primo assaggio stimola i fluidi digestivi presenti nella bocca e nello stomaco. Il cibo viene inviato verso lo stomaco e, se è stato ben masticato, sarà più facile per lo stomaco mescolare i fluidi digestivi, i liquidi ed i cibi tutti insieme. Una volta ammorbidite e scisse in piccole particelle, le sostanze semidigerite passano nell'intestino tenue. All'inizio dell'intestino tenue vi è il duodeno in cui il cibo viene miscelato con la bile prodotta dal fegato e con le secrezioni pancreatiche.

In seguito il cibo si trasferisce verso il colon dove la sua digestione viene completata ed è proprio qui che il vero valore del cibo viene assorbito quasi totalmente come vitamine ed elementi nutritivi. Il colon forma le feci ed assorbe l'acqua dal cibo digerito. Esso procura anche nutrimento ai batteri che svolgono un ruolo benefico, in quanto capaci di sintetizzare importanti vitamine e di assorbire elementi nutrienti. Le feci normali transitano attraverso il colon e dovrebbero assomigliare ad una banana matura.

Qualsiasi cibo, inclusa la frutta, va in putrefazione se trattenuto abbastanza a lungo nel corpo. La causa della ritenzione all'interno del colon dei residui di cibo è la presenza di muchi. Anche una dieta vegetariana in cui si assumano latticini, tofu, alimenti a base di farine bianche porta alla produzione di muco all'interno dell'intestino.

I muchi prodotti all'interno del colon si disidratano e si trasformano in una sostanza viscosa che tende a trattenere all'interno del colon i residui di tutto il cibo ingerito. Se la massa di materiali non digeriti si accumula, essa comincia a passare attraverso le pareti intestinali nel flusso sanguigno. Il flusso del sangue veicola quindi le tossine putrefattive e fermentative in ogni parte del corpo. Il sistema immunitario è costretto ad un superlavoro per neutralizzare quelle tossine, che si accumulano nei punti più deboli del corpo.

Anche il fegato e i reni lavorano a pieno ritmo per filtrare il livello sempre crescente di tossine provenienti dall'intestino. Quando il colon viene interamente rivestito da cibo non digerito, anche i batteri "buoni" riducono la loro capacità di sintetizzare le vitamine, determinando uno stato di carenza.

IL "SISTEMA COLON SUPRA" IN PRATICA immagini_tav/up.jpg

La confezione contiene 2 barattoli da 30 opercoli

Il programma è stato appositamente formulato per depurare periodicamente la fisiologia. In questo sistema vengono impiegati 2 preparati che rimuovono le impurità presenti nel tratto digestivo e nei tessuti.

Colon Supra Giorno 30 opercoli: agisce favorevolmente sulla funzione fisiologica della digestione ed aiuta a regolare la funzione intestinale.

Colon Supra Notte 30 opercoli: influisce favorevolmente sull’eliminazione delle scorie.

I preparati agiscono in modo sinergico normalizzando l’attività del colon. Per un buon risultato i preparati vanno assunti per almeno 15 giorni, preferibilmente ai cambi di stagione.

Uso: si consiglia di assumere 2 opercoli dopo pranzo del preparato "Giorno" e 2 opercoli dopo cena del preparato "Notte".

PER APPROFONDIMENTO immagini_tav/up.jpg

Per maggiori dettagli sul prodotto, suggerimenti alimentari ed altro, vedere il sito
www.ayurvita.it/colon.htm

LETTURE SUGGERITE immagini_tav/up.jpg

  • Dott. Bernard Jensen, Intestino libero.
    Macro Edizioni. Tel. 0547 346.290 / 346.317.
  • Dott. Christian Tal Shaller, La salute intestinale degli anni 2000.
    Edizioni Blu International Studio (BIS).







Sommario
"Al di là della tavola"
  Sommario del sito Home page
"www.rosacroceoggi.org"
Un sito dedicato all'uomo, il suo benessere e il suo destino.