IL MONDO IN CUI VIVIAMO

Verso il futuro

Sommario "Futuro" Sommario del sito

L'ESISTENZA DELLE API È IN PERICOLO

Raccolta di brani interessanti

Sommario



Non è solo l'apicoltura a risentirne. Le api impollinano gli alberi da frutto e varie altre colture agricole, e la loro scomparsa può avere conseguenze disastrose per le economie agricole. Nei soli Usa le perdite potenziali legate a questo collasso ecologico sono già state valutate in 8.000 milioni di dollari.



La misteriosa scomparsa delle api up.jpg

Di Fulvio Gioanetto - 25/05/2007.
Tratto da: www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=11350
Fonte: Il Manifesto [scheda fonte]

Entomologi e apicoltori l'hanno chiamato il "collasso delle arnie". Negli Stati Uniti fra il 50 e il 90% delle api in 30 stati sono scomparse: circa mezzo milione di colonie con circa 50.000 api ciascuna. In Argentina e Uruguay le autorità agricole segnalano che il 30-40% delle arnie sono vuote. Le api abbandonano le arnie e non ritornano. Una delle cose più sorprendenti è che le operaie sciamano fuori dagli alveari lasciandovi le regine. L'altra è che i resti mortali delle api non si trovano.

Il fenomeno si estende. In Inghilterra e Scozia gli apicoltori affermano di aver perso più del 10% delle colonie che normalmente muoiono durante l'inverno. Secondo il presidente degli apicultori John Chapple, nelle zone intorno a Londra le perdite di api sarebbero fra il 50 e il 75% della popolazione totale. In Spagna si segnala la scomparsa di 300.000 arnie (circa 9 milioni di insetti) in Estremadura, Castilla-Leon e in varie zone dell'Andalusia.

In Svizzera l'associazione "Amici delle api" chiede alle autorità sanitarie di intervenire, perché i primi monitoraggi segnalano scomparse massicce in numerosi cantoni; il che mette in pericolo la fiorente apicoltura svizzera, che dà lavoro a 19.000 addetti e registra(va) un fatturato di circa 222 milioni di euro annuali. Sono segnalati casi di api che non tornano alle loro arnie anche in Polonia, Grecia, Portogallo, Repubblica Ceca e Italia.

Diverse commissioni multidisciplinari si sono occupate della misteriosa sindrome delle api, ma nessuna finora ha trovato una causa certa. I ricercatori svizzeri attribuiscono il fenomeno a un virus, pare veicolato da un acaro d'origine asiatica. In America Latina le cause sarebbero da ricercarsi nel cambiamento climatico e nelle colture transgeniche.

In Spagna e in Inghilterra i rispettivi ministeri agricoli danno la colpa, oltre al cambio climatico, anche ad alcuni pesticidi usati nelle coltivazioni di mais, girasole e barbabietola. Negli anni '90 le api inglesi furono attaccate da un acaro parassita che deprimeva il loro sistema immunitario e le rendeva vulnerabili a vari virus; un'ipotesi è che l'acaro sia diventato ora resistente ai prodotti, naturale e non, usati per combatterlo.

In California e New Mexico vari ricercatori elencano tra le cause anche l'inusuale siccità e le onde elettromagnetiche emesse da cellulari e apparati elettronici che, combinati all'azione di alcuni pesticidi, provocherebbero turbe neurologiche nelle api, alterando il senso dell'orientamento. Alcuni gruppi e sette religiose poi parlano di castigo divino, dove la morte delle api sarebbe un primo pallido segnale dell'apocalisse futura.

Alcuni ricercatori nordamericani ricordano quanto avvenne nel 1956, quando un centro di ricerche importò dall'Africa alcune api regine che furono modificate geneticamente per ottenere un'ape più resistente ai climi tropicali. Le api modificate fuggirono e in pochi anni invasero tutta l'America Latina e il sud degli Stati Uniti, eliminando le popolazioni di api esistenti e modificando allo stesso tempo il proprio comportamento, producendo meno miele e sviluppando un comportamento aggressivo.

La ricerca delle cause di questo inquietante fenomeno è ancora aperta. Alcuni ricercatori dell'Università di Columbia hanno rilevato la presenza di diversi microrganismi e funghi parassiti nelle arnie in declino, suggerendo che qualcosa stia debilitando il loro sistema immunitario. È probabile che l'estinzione massiccia delle api domestiche sia dovuta a diversi fattori, che soprattutto in alcune regioni si sommano creando questo disastro ecologico ed economico.

Non è solo l'apicoltura a risentirne. Le api impollinano gli alberi da frutto e varie altre colture agricole, e la loro scomparsa può avere conseguenze disastrose per le economie agricole. Nei soli Usa le perdite potenziali legate a questo collasso ecologico sono già state valutate in 8.000 milioni di dollari.

Tante altre notizie su www.ariannaeditrice.it

losanga.gif

La strana scomparsa delle api up.jpg

Tratto da: http://current.com/items/89067792_la_strana_scomparsa_delle_api
Postato da Toussaint nel luglio 2008

I cambiamenti climatici, l'alto prezzo del petrolio, i ritmi di lavoro sempre più frenetici, i salari sempre più bassi, le relazioni umane svilite da una cultura tecnologica invasiva e totalizzante. Che cos'altro disturba gli uomini e il pianeta? Ci sono anche malesseri che non sono stati ancora decifrati. Prendiamo il caso delle api. Belle a vedersi fintanto che non ci rovinano la pennichella pomeridiana sugli allegri prati di provincia, magari dopo aver fatto un picnic.

Dovremmo tutti sapere che questi insetti tanto oltraggiati sono vitali per il mantenimento degli equilibri ambientali e per l'integrità dell'ecosistema terrestre. "Se le api sparissero dalla crosta terrestre" ammoniva Albert Einstein " all'uomo non resterebbe che quattro anni di vita". La sua non era naturalmente una boutade per ingraziarsi un vasto pubblico di cui non aveva bisogno.

Considerazioni profonde erano alla base di quel ragionamento. Senza api, niente impollinazione, niente piante, niente animali e alla fine niente uomini. Senza le api, molte culture andrebbero a rotoli e certi frutti e legumi non sboccerebbero più. E dunque non si avrebbero pomodori, melanzane, zucchine, cavolfiori, mele susine, pesche e via dicendo.

Questione accademica ? Discussione oziosa ? Assolutamente no. Le api si stanno realmente dissolvendo. Si stima che in due anni il loro numero si sia ridotto del 50%. Colpa di chi? Le ipotesi si sono sovrapposte. C'è chi pensa al riscaldamento repentino del globo, chi al meccanismo infernale delle onde elettromagnetiche emanate dai telefonini. Al di là delle cause resta il pericolo che si è paventato, mentre alluvioni e incendi hanno decapitato intere comunità di formiche.

A rischio estinzione vi è circa un terzo di tutte le specie di Anfibi, devastati da una spaventosa malattia che appare sotto forma di fungo.

Fra poco non sentiremo più il gracidio delle rane e dei ranocchi ?

losanga.gif

In Italia il numero delle api si è dimezzato nel 2007 up.jpg

Tratto da http://scienzamarcia.blogspot.com/2008/02/riprendo-dal-blog-di-zret-scie-chimiche.html
Pubblicato da Corrado venerdì 1 febbraio 2008

Riprendo dal blog di Zret (sezione "scie chimiche") questa importante e angosciosa notizia che dovrebbe fare meditare anche chi ci prende per pazzi quando additiamo le scie chimiche nel cielo.

L'unico commento (che riprendo dalle discussioni su quel blog) è che anche gli anfibi stanno scomparendo, sono anch'essi in via di estinzione, i prossimi saremo noi?

Credo si debba togliere il punto interrogativo

Tempo fa pubblicammo alcuni articoli sul decremento della popolazione delle api: sembra che la situazione si sia ulteriormente aggravata. Il numero dei preziosi imenotteri continua a diminuire, soprattutto negli Stati Uniti ed in Europa.

Le cause sono semplici da identificare: campi elettromagnetici sempre più diffusi e potenti che disorientano le api e forse indeboliscono la loro capacità di ipercomunicare; pesticidi; veleni contenuti nelle scie chimiche. E' stato appurato che in parecchi casi la morte delle api era da attribuire a dosi massicce di metalli. Le chemtrails mietono vittime tra questi insetti: a chi toccherà in un futuro non lontano? Quando qualcuno si sveglierà, sarà troppo tardi.

Proponiamo ora un breve ma agghiacciante articolo sul tema segnalatoci dal gentilissimo Jesus di Planetaesclavo.In Italia il numero delle api è diminuito della metà nel corso del 2007. E' l'allarme lanciato da un portavoce del Ministero dell'"Ambiente". Secondo il portavoce, il problema deve essere attribuito ai cambiamenti climatici (sic) ed alla contaminazione degli ecosistemi. causa della morte delle api, molte colture di ortaggi e di frutta non sono state impollinate. Come conseguenza, il settore agricolo ha patito un danno di 250 milioni di euro. Una situazione analoga si osserva negli altri stati europei, dove la diminuzione oscilla tra il 30 ed il 50 per cento.La situazione è peggiore, però, negli Stati Uniti (non è un caso n.d.t.), dove la percentuale va dal 60 al 70.

Leggi qui l'articolo in spagnolo

losanga.gif

Le api sono disorientate dai telefonini up.jpg

La nostra passione per la telefonia mobile potrebbe essere la causa della misteriosa scomparsa delle api impollinatrici.

Tratto da: http://www.corriere.it/Primo_Piano/Scienze_e_Tecnologie/2007/04_Aprile/16/
api_telefonini.shtml">www.corriere.it/Primo_Piano/Scienze_e_Tecnologie/2007/
04_Aprile/16/api_telefonini.shtml

Regno Unito - Tutta colpa delle emissioni elettromagnetiche. Proprio così: è colpa delle radiazioni dei cellulari e degli altri gadget hi-tech se le api perdono l'orientamento e non sanno più dove devono andare per svolgere il loro compito di impollinatici.

Istinto in tilt - Perlomeno questo è quanto sostenuto da un gruppo di scienziati dalla Landau University, secondo i quali l'inspiegabile scomparsa da molte regioni americane di intere colonie di api che impollinano i raccolti potrebbe essere attribuita proprio alle onde elettromagnetiche, che interferiscono con il "sistema di navigazione" degli insetti facendo loro perdere l'orientamento. In pratica le api non riescono a tornare alle arnie, dove rimangono solo la regina, le uova e le api operaie, e quindi muoiono.

Pericolo carestia - Il fenomeno, chiamato Colony Collapse Disorder (CCD), si è verificato inizialmente negli Usa, lo scorso autunno, estendendosi poi anche all'Europa, dove recentemente è stato segnalato da numerosi apicoltori. Si stima che il versante occidentale degli Stati Uniti abbia già perso il 60 per cento delle api impollinatrici, mentre la perdita negli stati orientali sarebbe del 70 per cento. Il CCD interessa inoltre Germania, Svizzera, Spagna, Portogallo, Grecia, Italia, Scozia, Galles e Inghilterra, anche se in alcuni casi le autorità negano l'emergenza.

Come riferisce l'Independent, la questione preoccupa molto gli esperti, i quali temono che l'amore incondizionato della gente verso i telefonini e compagni finisca per interrompere il ciclo biologico di molti raccolti, causandone la scomparsa in tutto il mondo e portando alla conseguente carenza di approvvigionamenti alimentari, poiché - come sosteneva Albert Einstein - se le api dovessero scomparire, "alla specie umana resterebbero solo quattro anni di vita".

Alessandra Carboni.
16 aprile 2007










Sommario "Futuro" Sommario del sito
A.C.R.O. - Gruppo di Studi Rosacrociani di Roma
Centro Autorizzato della Rosicrucian Fellowship
Oceanside, California.