logo.gif
Precedente Dizionario Home page Successivo

DIZIONARIO ESOTERICO ROSACROCIANO

LETTERE M (3/3) - N - O

"M"

MUSICA. La musica deve considerarsi come la più elevata di tutte le arti; essa è un linguaggio universale, giacché si rivolge a tutti, senza alcuna discriminazione di razza, credo o qualsiasi altra distinzione mondana. Quanto più elevato e spirituale è un individuo, tanto più chiaramente essa gli si esprime, ma anche il selvaggio si commuove al suo ascolto.

Il sottile Mondo del Pensiero, nel quale si trovano il Secondo e il Terzo Cielo, è la patria dello Spirito Umano, l'Ego, ed anche al sfera del suono. Pertanto la musica esercita un grande potere sull'uomo. Durante la vita terrestre siamo esiliati da questo luogo celeste, e dimentichiamo la nostra provenienza divina, assorbiti dalle occupazioni materiali; se però ascoltiamo il messaggio della musica, esso è come un aroma fragrante, un eco di quel luogo che ci ricorda quello stato dimenticato in cui tutto è gioia e pace.

Così la musica viene ad essere per noi il linguaggio diretto di comunicazione con il mondo degli archetipi mentali, dove gli Spiriti, liberi dalla limitazione della forma, agiscono nel loro proprio regno. Da queste elevate regioni spirituali si infiltrano nei più bassi livelli terrestri frammenti delle celesti melodie, che vengono trascritte dai musicisti compositori, i quali, nei momenti di ispirazione, afferrano quei temi per dar loro una forma musicale completa adattati agli esseri confinati sulla terra, "costruendo ponti di sogno" tra il mondo del suono e quello della forma.

La musica celeste è un fatto e non una mera espressione linguistica, e i suoi echi giungono fino al nostro Mondo Fisico. Sono il nostro più prezioso possedimento, benché così fugaci quanto la schiuma del mare, e non possono essere creati una volta per tutte, come è invece possibile per le altre arti: una statua, un quadro, un libro. Nel Mondo Fisico il suono muore prontamente, così come nasce. Le esperienze del poeta sono analoghe a quelle del musicista, poiché la poesia, che è l'espressione dei più intimi sentimenti dell'anima, è fatta di parole che si ordinano in accordo con le medesime leggi dell'armonia e del ritmo che reggono l'espressione dello Spirito nella musica.

Inoltre, il poeta trova un'ispirazione magnifica nelle immagini e nei colori del Mondo del Desiderio. (v/ "I Misteri delle Grandi Opere" di Max Heindel; "Music, The Keynote of Human Evolution", "The Cosmic Harp", "Beethoven's Nine Synphonies correlated with the Nine Spiritual Mysteries", "Color and Music in the New Age" di Corinne Heline; "Music, its Secrete Influence throughout the Ages" di Cyryl Scott).

MUSICA DELLE SFERE. Espressione usata da Pitagora, che fu il primo a scoprire una relazione matematica tra le frequenze dei vari toni e le scale musicali e che, affermando che le orbite dei pianeti mostravano una relazione simile basata sulla loro distanza dal centro, concepì la mutua relazione tra le orbite come "l'armonia delle sfere".

MYSTERIUM MAGNUM. "Il Grande Mistero", espressione usata in alchimia in relazione all'elaborazione della "Pietra Filosofale" e dell'"Elisir di Lunga Vita". Significa l'essenzialità della Natura, da cui tutte le cose procedono e a cui tutte fanno ritorno; cioè Dio.

"N"

NASCITA. Lo Spirito discese dai mondi superiori durante l'involuzione, e parallelamente si formarono i corpi partendo dal più basso (corpo fisico) al più sottile. L'incontro di queste due correnti nel "fuoco" della mente è ciò che segnò il punto di nascita dell'individuo, l'essere umano, l'Ego; quando cioè lo Spirito "entra" e prende possesso dei suoi veicoli. Il primo corpo a formarsi fu il corpo fisico, seguito da quello vitale e dal corpo del desiderio; per ultima nacque la mente.

Non è però lecito concludere che una volta realizzato questo evento l'uomo fosse giunto al suo attuale di evoluzione, che lo vede autocosciente, essere pensante, ecc. Prima di raggiungere questo punto ebbe da percorrere un lungo e faticoso cammino, i suoi organi trovandosi in uno stadio di sviluppo molto rudimentale, e non essendovi ancora un cervello da usare come mezzo di espressione. Da questo possiamo dedurre quanto fosse poco estesa la sua coscienza; in poche parole, l'uomo di allora era tanto lontano dall'essere intelligente quanto lo sono i nostri attuali animali.

Il primo passo verso il miglioramento fu la costruzione del cervello, quale strumento della mente nel Mondo Fisico. Generalmente si crede che quando un bambino nasce, tutto finisca lì; ma come durante il periodo di gestazione il corpo denso rimane protetto dall'impatto col mondo esterno tramite la matrice materna

Fintanto che non abbia raggiunto un grado tale di maturazione da potersi mettere in contatto con le condizioni esterne, così come accade per il corpo vitale, il corpo del desiderio e la mente, i quali permangono nello stato di gestazione più a lungo e nascono più tardi, in ragione del fatto che non posseggono un'evoluzione tanto lunga come quella del corpo denso, e quindi richiedono un tempo maggiore per giungere alla maturazione e all'individualizzazione.

Il corpo vitale nasce a sette anni, quando avviene il periodo rapido della crescita; il corpo del desiderio nasce alla pubertà (14 anni), e la mente a ventuno, quando si dice che l'individuo sia diventato uomo.

NEOFITA. Novizio, studente in prova, candidato all'Iniziazione.

NEOPLATONISMO. Letteralmente "nuovo platonismo", o "nuova scuola platonica". Sistema filosofico-teosofico greco, in cui convengono tutte le correnti di pensiero dell'epoca. Suoi più grandi rappresentanti furono Ammonio Sacca, Plotino, Porfirio, Giamblico e Proclo.

NINFE. Spiriti-elemento dell'acqua (ondine) e di terra, chiamate Nereidi o Ninfe del mare; Naiadi (delle fonti); Potamidi (dei ruscelli); Oreadi (dei monti); Driadi e Amadriadi (delle selve); Napee (delle foreste), ecc.

NOTTE COSMICA. Quando l'onda di vita ha completato i suoi sette giri attorno ai sette Globi, o le sue sette Rivoluzioni, ha termine il Giorno della Creazione; segue una Notte Cosmica di riposo e assimilazione, al termine della quale vi è l'alba di un nuovo Periodo. Simile alla notte di sonno tra due giorni della vita umana non è un intervallo di riposo passivo, bensì il tempo di preparazione per l'attività che deve svolgersi nel periodo successivo, in piani diversi di esistenza.

NUOVE CARATTERISTICHE. In tutto il percorso dell'evoluzione - attraverso Periodi, Globi, Rivoluzioni e Razze - coloro che non migliorano assumendo nuove caratteristiche, rimangono indietro e cominciano immediatamente a degenerare. Soltanto coloro che si dimostrano malleabili, flessibili e adattabili per modellare nuove forme appropriate per l'espressione della coscienza che si espande, e soltanto la vita che è capace di coltivare le possibilità di miglioramento inerenti alla forma che anima, possono evolversi con i pionieri di qualsiasi onda di vita. tutti gli altri sono ritardatari. Vedi: Adattabilità.

NUOVA GALILEA. La Lemuria fu distrutta dal fuoco; terribili cataclismi la trasformarono in Atlantide. Quando questa fu sommersa dalle acque fu la volta di Arya, la terra che vediamo nella nostra attuale Epoca Ariana, che però presto avrà anch'essa termine. Verranno "un Nuovo Cielo e una Nuova Terra", che la Scuola di occultismo Occidentale chiama la "Nuova Galilea".

Durante le prime due Epoche (Polare ed Iperborea) l'uomo sviluppò un corpo e lo vitalizzò; nell'Epoca Lemuriana sviluppò il desiderio, nell'Epoca Atlantidea produsse l'astuzia, e il frutto dell'Epoca Ariana è la ragione. Nella Nuova Galilea l'umanità possiederà u corpo molto più perfezionato ed eterico dell'attuale; la Terra sarà trasparente e il risultato sarà che questi corpi saranno molto più permeabili agli impulsi spirituali dell'Intuizione.

La Nuova Galilea sarà formata di etere luminoso e trasmetterà la luce solare. Sarà una terra di pace (Jer-u-salem), perché la Fratellanza Universale unirà tutti gli esseri che la abitano nell'Amore. Non avrà cittadinanza la morte, poiché l'Albero della Vita, la facoltà di generare forza vitale, sarà resa possibile attraverso l'organo eterico della testa che si svilupperà in tutti coloro che saranno scelti come progenitori dell'umanità dell'epoca futura. Riassumendo, la Nuova Galilea simbolizza, nel linguaggio occulto, il Regno dei Cieli dei Vangeli.

"O"

OCCULTISMO. Scienza che indaga i misteri della Natura e lo sviluppo delle facoltà psichiche latenti nell'uomo, per ottenere le quali si rende indispensabile l'osservazione di determinate regole di vita e di disciplina mentale.

ONDINE. Secondo la mitologia germanica e scandinava, le Ondine erano le Ninfe delle acque. Anche gli Insegnamenti Rosacrociani ci dicono che le Ondine sono degli spiriti acquatici che abitano i ruscelli e i corsi d'acqua. Il corpo delle Ondine è formato di etere vitale, e la loro vita può durare migliaia di anni.

OSSERVAZIONE. Consiste nella utilizzazione i sensi come mezzo per ottenere informazioni corrette riguardo i fenomeni che accadono nel nostro ambiente, vedendo le cose con contorni chiari e definiti, e nei particolari. La corretta osservazione ed azione, generano l'Anima Cosciente.

OSSESSIONE. L'ossessione, o idea fissa, è uno stato mentale alterato per cui una persona è letteralmente "ossessionata" da una data idea (ad es. i microbi, la sporcizia, la critica altrui, una o più malattie, ecc.).

L'ossessione non va confusa con la "possessione", in cui lo spirito di un defunto, che gravita nei piani bassi del mondo astrale (earth-bound spirit), esercita una certa influenza sopra una data persona al fine di sottometterla al suo volere. Questo per soddisfare le brane che aveva mentre era ancora vivente (golosità, alcool, sesso, ecc.), oppure per vendetta o perché, subito dopo essere morto nel corpo fisico, non ha potuto, saputo o voluto, seguire gli Esseri nella luce che erano venuti a riceverlo per guidarlo ed inserirlo mondo dei defunti.

Se lo spirito in questione è perverso, imprigiona la sua vittima come la tenesse in una rete, paralizza la sua volontà e la sua capacità di giudizio. La costringe a pensare ed agire per lui; la obbliga a commettere atti stravaganti che ricadono su di lei. In una parola, la magnetizza e la conduce ad una catalessi morale, convertendola in un cieco strumento dei suoi capricci. È necessario osservare che in questo stato l'individuo è pienamente cosciente che ciò che compie è a volte ridicolo; però è costretto a compierlo come se un uomo più vigoroso di lui lo costringesse a muovere, contro la sua volontà, le braccia, le gambe o la lingua.

Per approfondimento vedi il depliant La possessione.


Precedente Dizionario Home page Successivo
A.C.R.O. - Gruppo di Studi Rosacrociani di Roma -
Centro Autorizzato della Rosicrucian Fellowship
Oceanside, California.