- Associazione ACRO - Insegnamenti Rosacrociani - Title animato
logo.gif
   SOMMARIO PAGINE ESOTERICHE |   HOME  |   ASSOCIAZIONE  |  SITI AFFINI  

 

CERCATE L’ ACCESSO AL REGNO.....

Tratto da: http://assoc.wanadoo.fr/rosae-crucis/document.html 

Traduzione dal francese di Sergio De Ruggiero

 

"Cercate l’accesso al suo regno ed alla sua giustizia e tutto il resto, vi sarà dato in più" (Matteo 6-33).

"Il regno è dentro di voi ed intorno a voi, non negli edifici, nei boschi o nelle pietre..." (Vangelo di Tommaso)

 

La vera chiesa e la Rosa+Croce:

Sebbene in piccolo numero rispetto alla massa, non sono poi così poco numerosi, da incontrarsi sulle nostre vie. Si può dire di loro, ogni reciprocità custodita, la frase più conosciuta è: "Se qualcuno vi dice che Dio è là o qui, non andate, perché "Egli" è così vicino a voi che non potete immaginarvi". In quanto a farne parte, appartiene solamente a voi decidere! Sappiate, che il lavoro di molti dei suoi membri, è proprio quello farvi conoscere ciò che essi conoscono. La strada da compiere per entrare in questa Società, in questa Chiesa Interiore, non ha cambiato da 2000 anni ed è passata tramite la rigenerazione.

La rigenerazione:  

La vera rigenerazione per la quale ridiveniamo bambini di Dio, è operata dall'umanità spiritualizzata di Gesù Cristo, che penetra tutto. È questo corpo che deve rinascere in noi. È solamente in questo corpo che si trova l'immagine e l'espressione di Dio ed è in lui solo, che può agire ed abitare lo spirito di Gesù Cristo. Il germe divino di questa rinascita celeste, è rinchiuso nel nostro interno e deve svilupparsi in noi con l'aiuto dello Spirito ed per la virtù di colui, che si è fatto uomo nel seno puro di Maria. Così, il nuovo uomo celeste, che ha preso invisibilmente una nuova vita nel suo essere, che la croce lo ha umiliato, non deve sfigurarsi per mezzo delle macchie che l'amore improprio imprime. Che quest’uomo neonato vada a nascondersi nel deserto della croce, lontano dalle vanità di questo mondo, per essere al riparo dagli attentati del principe delle tenebre, che esercita il suo dominio. Crescendo così nella Vita in Gesù Cristo, deve, come avanza, fedelmente lavorare per imitarlo. Non ubbidisce più alla sua volontà, ma a quella del suo Padre celeste, di cui regno e giustizia, devono essere cercati.

Che l'amore gli faccia sopportare i disprezzi, gli oltraggi, gli sputi, le sofferenze a cui il mondo lo sottopone e, nonostante lui, potrebbe chiamare legioni di angeli per liberarsene, patisce con gioia tutte le sofferenze, poiché gli sono necessarie per compiere l'opera di Dio. Se la sua umana debolezza, rabbrividisce all'approccio di questi crudeli tormenti, di queste sofferenze purificanti e desideri, se possibile, che questo calice amaro si allontani da lui, si affretti ad abbandonare tutto il suo essere, nel dire assieme al Cristo: Padre, che la tua volontà sia fatta e non la mia.

Conformemente allora, la carne ed il sangue, nell'angoscia che quest’ultimo grado del fuoco della croce gli farà provare, esclamerà: Mio Dio, mio Dio, perché mi hai abbandonato... questo movimento non impedisce al suo uomo interiore rinnovato, di unirsi più indissolubilmente e per l'eternità al suo Padre celeste. Ecco l’ombra dei misteri, la rigenerazione è consumata e dove si trova la via in Gesù Cristo, questa strada perfettamente compiuta, introduce nel Regno di Dio". (J.Lopoukhine).

La strada:

Non è mai sufficientemente abbastanza, mettere in guardia il ricercatore sincero, dagli eccessi dei differenti metodi di rigenerazione. Oggigiorno, il mondo propone tante scuole e sistemi, che la vigilanza non è più un lusso. Esaminiamo a questo proposito la seguente frase: "Un albero si cura meglio, migliorando la sua linfa, piuttosto che lavando tutte le sue foglie". Dunque, è tramite il perfezionamento del centro emotivo, sentimentale, che otterremo il migliore perfezionamento dell’intero essere. Ora, tra i diversi metodi di cultura interiore, uno cura le foglie, altri i tronchi, altri ancora modificano l'ambiente, l’unica scuola che ammette l'ingerenza fisica del divino, in tutta naturalità, cura la linfa: questa è il metodo del Cristo.  

I differenti metodi non cristiani:

Tra i metodi non cristiani, s’insegue una via sperimentale, procedono dell'esterno verso l'interno, dal basso verso l'alto. Vogliono rendere perfezionata la salute corporale, il vigore, l'acutezza dei sensi, poi la salute dei differenti corpi fluidici: quello elettrico, eterico e magnetico ed in seguito, dei corpi sentimentali e mentali. Avendo ottenuto il controllo delle idee, come il controllo delle sensazioni e degli atti della vita vegetativa, cercano il controllo del principio pensante, il sé di quest’astrazione, che in noi, sa di essere. Di là, introducono il "discepolo" nelle sfere dell'inconscio, di cui le innumerevoli esperienze si effettuano per mezzo di estasi diverse,  come ad esempio: il Radja-yoga.

Altre scuole, trascurando l'uomo corporale, dedicando tutte le loro cure all'uomo intellettuale, ad esempio: il metodo Plotin.

Altri coltivano l'emozione sentimentale, come i Sufi ed i Bhaktis.

Altri infine, insegnano a smettere di sentire, di amare e di pensare, come ad esempio i Buddisti originari.

Ma tutti pretendono di raggiungere l'archetipo, salendo dell'esterno verso l'interno ed il loro strumento principale è l'estasi.

Ciascuna delle centinaia di scuole alle quali si è appena fatto allusione, possiede la sua teoria, indubitabile e sicura. Ma facciamo alcune osservazioni preliminari. L'estasi, è la coscienza di un universo sconosciuto che si sveglia, mentre si addormenta la coscienza dell'universo abituale, è un sogno più arricchito, è una depolarizzazione psichica. Si può ottenere in molti modi e ad ogni procedimento, corrisponde un'esperienza speciale: certe droghe, l’ipnosi, il magnetismo, le sedute spiritiche o magiche, l'autosuggestione tramite la concentrazione volontaria, l'esaltazione fanatica, la contemplazione di una entità astratta. Ma tutti questi metodi, non mettono in evidenza che forze relative, miste o locali, che restano illegittime nel loro principio, precarie nei loro risultati e perverse negli eccessi, dove fatalmente, quasi tutte finiscono.  

I loro "adepti", inseguono tre scopi principali: un'esaltazione sempre più stabile, che rende l'individuo "maestro" delle energie psichiche più potenti, vale a dire, più nascoste: una partecipazione alla creazione, tramite la pratica di scienze occulte, un’influenza sui destini terrestri, per mezzo dell'impiego di società segrete o di arti occulte. Viceversa, esistono altri uomini, che concepiscono Dio come "Essere" indipendente e non diluito nell'oceano del mondo, che vedono la Sua Provvidenza, sempre attiva nella persona di Suo Figlio, venuto nella carne e tornato al Padre, ma sempre presente e che si preoccupano solamente di aiutare i loro fratelli ad afferrare questo messaggio. Ecco l'originalità del Cristianesimo e tutto il suo potere. L'espressione più pura del suo metodo, si trova nel vangelo al quale, è necessario tornare per non perdersi nella molteplicità dei commenti ai quali, da venti secoli, ha dato luogo.

La via cristica:

Nessuno, dei procedimenti della saggezza umana, ci libera, aprendoci il Regno dello spirito. Affinché, come esseri relativi all'assoluto, si possa ritornare alla fonte originale, occorre che l'assoluto discenda e ci prenda con Lui. Questa discesa è l'incarnazione del Verbo; questa presa è Gesù Cristo, Figlio unico del Padre.

Paul Sédir

 

SOMMARIO PAGINE ESOTERICHE  |   HOME  |   ASSOCIAZIONE  |   SITI AFFINI  

A.C.R.O. - Gruppo Studi Rosacrociani di Roma - 
Centro Autorizzato della Rosicrucian Fellowship
Centro promotore della
Comunità Rosa+Croce Internazionale
.