PACE E LUCE
Sommario: Nella tua casa Sommario: Insieme Home page

NELLA TUA CASA
Verso il Tramonto


NON...

Non perdete tempo a sospirare dietro a cose straordinarie, impossibili.

Non aspettate sognando che vi spuntino ali angeliche.

Non disdegnate di essere n fioco lumicino,
non tutti possono essere stelle.
Ma illuminate qualche angolo oscuro
facendo luce, li dove siete.

L'umile candela ha la sua funzione,
al pari dello splendido sole,
e la più umile azione diventa nobile
quando è compiuta con dignità.

Forse non sarete mai chiamati ad illuminare lontane regioni oscure,
perciò assolvete la vostra quotidiana missione
brillando li, dove siete.
(Max Heindel).

Sommario

**********************************************
************************

VERSO IL TRAMONTO up.jpg

A Gesù Salvatore (13) up.jpg

O Gesù, Salvatore del mondo, volgi il tuo sguardo sulla mia vita ormai giunta vicina al tramonto. Stanco è il mio corpo, il mio passo è incerto e gli occhi vedono l'universo attraverso un velo sempre più denso... Mi pesano nel cuore i ricordi del passato e i miei peccati hanno lasciato numerose cicatrici, l'anima mia trema al pensiero del giudizio divino...

Ottienimi in questi ultimi miei giorni una fede viva, una speranza invincibile, una carità operosa onde la mia esistenza si consumi sempre più vicina a Te, o mio Signore.

Dammi la forza nelle prove, rassegnazione nei dolori, concedimi una agonia che mi permetta di morire con un bacio di amore e di pentimento verso te, mio redentore, onde possa anch'io salire a lodarti, per i secoli eterni.
Amen.

Per la salute totale (15) up.jpg

Dammi, o Signore, la sanità del corpo insieme con l'intenzione di mantenerla nel modo migliore.
Dammi una buona digestione ed anche qualcosa da digerire.
Dammi, o Signore, un'anima santa che abbia occhi per la bellezza e la purezza, affinché non s'impaurisca, nel vedere il peccato, ma sappia vincerlo nel modo migliore.
Dammi un'anima che non conosca la noia, il mormorare, il gemere e il sospirare.

Non premettere che io mi dia troppa pena per questa cosa ingombrante che chiamo "Io".
Signore, dammi dell'allegria, dell'umorismo, dell'ottimismo, affinché io tragga qualche bene da questa vita e ne faccia partecipi anche gli altri. Così sia!
(San Tommaso Moro.)

Per accettare la vecchiaia (13) up.jpg

Tu leggi nel mio cuore ciò che è rimasto in me: Tu solo sei Via, Verità e Vita. Per tua grazia non conosco i mali di una vecchiaia atroce; ma se dovessero venire per tua volontà, fa che io possa stare in unione ai dolori del tuo Calvario. Che tutto sia in espiazione e riparazione dei miei falli e torti fatti a te.

Se qualche bene ho compiuto, fa che possa continuare a compierlo. Fa rimanere in me la fiamma della Carità e dell'Amore. Fa che possa amare il mio prossimo e i miei cari come tu vuoi. Io mi abbandono nelle tue mani, tieni ferma la mia fede, ordina cosa vuoi ed io ti ascolterò! In questa fede ho sempre trovato la risposta giusta, perché il mio Dio sei tu.

E quando sarà giunta l'ora della mia fine, te lo chiedo con tutto il cuore, fa che io sia assistito e spiri fra le braccia della tua e mia santissima Madre e in quelle di S. Giuseppe in una estasi di amore per Te.
Amen.

Preghiera della terza età (13) up.jpg

Signore, insegnami a invecchiare! Convincimi che la comunità non compie alcun torto verso di me, se mi va esonerando da responsabilità, se non mi chiede più pareri, se ha indicato altri a subentrare al mio posto.

Togli da me l'orgoglio dell'esperienza fatta, ed il senso della mia indispensabilità. Che io colga, in questo graduale distacco dalle cose, unicamente la legge del tempo, e avverta, in questo avvicendamento di compiti, una delle espressioni più interessanti della vita che si rinnova sotto l'impulso della tua Provvidenza.

Fa, o Signore, che io sia ancora utile al mondo, contribuendo con l'ottimismo e con la preghiera alla gioia e al coraggio di chi è di turno nella responsabilità, vivendo uno stile di contatto umile e sereno con il mondo in trasformazione senza rimpianti sul passato, facendo delle mie sofferenze umane un dono di riparazione sociale. Che la mia uscita dal campo di azione sia semplice e naturale come un felice tramonto.

Perdona se solo oggi, nella tranquillità, riesco a capire quanto tu mi abbia amato e soccorso, almeno ora io abbia viva e penetrante la percezione del destino di gioia che mi hai preparato e verso il quale mi hai incamminato fin dal primo giorno di vita.
Signore, insegnami a invecchiare.

E quando sarà giunta l'ora della mia fine, te lo chiedo con tutto il cuore, fa che io sia assistito e spiri fra le braccia della tua e mia Santissima Madre e in quelle di San Giuseppe in un estasi di amore per te.
Amen.

Cantico di un anziano (13) up.jpg

Benedetti quelli che mi guardano con simpatia.
Benedetti quelli che comprendono il mio camminare stanco.
Benedetti quelli che parlano a voce alta per minimizzare la mia sordità.
Benedetti quelli che stringono con calore le mie mani tremanti.
Benedetti quelli che si interessano della mia lontana giovinezza.
Benedetti quelli che non si stancano di ascoltare i miei discorsi già tante volte ripetuti.
Benedetti quelli che comprendono il mio bisogno di affetto.
Benedetti quelli che mi regalano frammenti del loro tempo.
Benedetti quelli che si ricordano della mia solitudine.
Benedetti quelli che mi sono vicini nella sofferenza.

Beati quelli che rallegrano gli ultimi giorni della mia vita.
Beati quelli che mi sono vicini nel momento del passaggio.
Quando entrerò nella vita senza fine mi ricorderò di loro presso il Signore Gesù.

Beatitudini di un anziano (13) up.jpg

BEATO il vecchio che sa ringraziare Dio per tutto il bene che Egli ha operato in lui e per mezzo di lui!
Com'è bello il Magnificat sulle labbra di un vecchio!
BEATO il vecchio che comprende che tutte le sue colpe sono perdonate e che accetta di offrire la sua sofferenza di oggi in riparazione dei suoi peccati.

BEATO il vecchio che offre oggi tutte le sue sofferenze passate, tutti i suoi fallimenti e tutte le sue umiliazioni.
BEATO il vecchio che è buono, indulgente e comprensivo; che accetta il mondo qual'è e i giorni come sono; che ama rendersi utile agli altri e che sorride a chi incontra!

BEATO il vecchio in cui, accanto alla paura della morte, che non riuscirà mai a soffocare, nasce a poco a poco il desiderio di un'altra vita, prolungamento di questa. Allora comprenderà che la sua povera vita ha un senso, poiché tutto ciò che egli ha fatto e ha sofferto lo seguirà; il Padre stesso gli asciugherà le lacrime dagli occhi e lo inviterà a entrare nella sua gioia infinita.
(Monsignor Ancel.)

Briciole di serenità (13) up.jpg

1. Se non mettessi mai il broncio, sarei più benvoluto dai piccoli e dai grandi.
2. Se fossi più garbato, sarei più felice io e coloro che trattano con me.
3. Se parlassi piano e rispondessi dolcemente e con pazienza, sarei l'incanto dei miei familiari.
4. Se vincessi la curiosità e non mi immischiassi nei fatti altrui, sarei più rispettato e sarei richiesto di consigli.
5. Se non dessi consigli non richiesti e non voluti, sarei più ascoltato, stimato e amato.

6. Se non mi lamentassi tanto dei miei acciacchi e disturbi dell'età, sarei forse curato con più amorevolezza.
7. Se sapessi compatire, se non dicessi quell'espressione dura e imparassi invece ad abbracciare le sofferenze come volute da Dio per purificarmi, mi sentirei più sollevato dalle colpe commesse in gioventù.
8. Se fossi virtuoso, sarei l'angelo della famiglia e vedrei rifiorire il Paradiso intorno a me.
9. Se dessi sempre il buon esempio in tutto, vedrei praticare la virtù e l'amore tra i miei cari.
10. Se cercassi di vivere sempre in pace con Dio e col prossimo, raggiungerei sicuramente lo scopo della mia vita sulla terra: quello di unirmi con Dio nel Cielo.

Viviamo nella gioia! (13) up.jpg

1. Abbiamo sempre qualcuno da amare, qualcosa da fare:
è il segreto di una vecchiaia sempre giovane. Quando si ama non si è mai vecchi.

2. Non trascuriamoci: mantenerci in forma fisicamente, intellettualmente, spiritualmente.
Avremo meno miserie e non saremo di peso.

3. Sopportiamo coraggiosamente, e senza lagnarci, le miserie che non possiamo né sopprimere,
né evitare.
Meglio, offriamole a Dio generosamente affinché esse siano pienamente utili, poiché valgono molto.

4. Pensiamo a chi è più infelice di noi, e che il mezzo migliore di sollevare la nostra sofferenza è quello di consolare gli altri.

5. Trasformiamo le piccole inezie di ogni giorno, in tanti raggi di sole:
muoversi, ascoltare, leggere, conversare, scrivere, sorridere, scusare, perdonare, pregare.

6. Allontaniamo da noi ciò che fa invecchiare male:
l'ozio, l'egoismo, l'isolamento, i rancori, la gelosia, l'invidia.

7. Non rimpiangiamo le gioie del passato, ricordiamoci piuttosto che noi le abbiamo avute e ringraziamo Dio di avercele donate.

8. Non viviamo né del passato, né dell'avvenire, viviamo nel miglior modo possibile il momento presente tutto nuovo, pieno di speranza.

9. Non imponiamoci, non eclissiamoci.
Rendiamoci disponibili per ciò che possiamo o dobbiamo fare.

10. Doniamo il nostro aiuto per quanto possiamo a tutto ciò che si fa per gli anziani, per essi e con essi: associazioni, ritrovi, attività diverse.

11. Amiamo i giovani, interessiamoci del loro avvenire. Lasciamo che espongano le loro idee.
Partecipiamo alle loro gioie, ricordando i nostri desideri e le gioie della nostra giovinezza.

12. Se non possiamo più donare ai giovani l'entusiasmo,
diamo loro la fiducia e saremo strumenti di accordo: è ancora un bel compito.

13. Accettiamo le conseguenze dell'età.
Sappiamo riconoscere i nostri limiti mettiamo in valore le virtù della terza età: la saggezza, la benevolenza, la bontà, la pazienza, la serenità, la pace.

14. Conserviamo in noi la convinzione che invecchiare è una grande grazia che ci dà la possibilità di partecipare di più alla missione redentrice del Salvatore.

15. Ciò che conserva giovane il nostro spirito è la fede.
Ciò che conserva giovane il nostro cuore è l'amore.
Ciò che conserva giovane la nostra volontà è la speranza.
Ciò che conserva giovane la nostra vita è il Cristo poiché egli è la via, la verità, la vita.

16. Non preoccupiamoci dell'avvenire:
Dio provvede sempre all'essenziale: l'Amore, che non ci mancherà mai.

17. La vecchiaia ci stacca, ci allontana dai beni di questo mondo.
E l'ora di pensare alla ricompensa che ci attende, al Paradiso.

18. Attendiamo con fiducia, la nostra partenza per un mondo migliore ed eterno.
Un Padre ci attende, suo Figlio ci ha meritato un posto,
la Madonna ci accoglierà tra tutti i nostri cari morti prima di noi, e che vivono lì, in Paradiso.

-------------**********-------------

"Rendi saldi i miei passi secondo la tua parola e su di me non prevalga il male".
(Salmo 119:133).

VERSO LA CASA PATERNA up.jpg

È come girare l'angolo up.jpg

Morire è soltanto come girare l'angolo di una strada, mio caro,
Solo il girare l'angolo della strada, dietro la curva c'è una luce più luminosa, fede per i nostri dubbi e pace per la nostra paura, e riposo dopo i tediosi pesi della Vita.

Sorridi, è soltanto il girare l'angolo di una strada, mio caro,
Solo svoltare l'angolo.

Non piangere! Ti attenderò, mio caro, amandoti tutto il tempo:
Se il mio destino è di svoltare l'angolo, e il tuo di attendere, ancora per un poco, e imparare ad attendere, e lavorare, con un sorriso.

Non piangere! È solo per un attimo, mio caro,
Solo per un attimo.
(Caterine A. Miller).

L'addio di Papa Giovanni (dal suo testamento) up.jpg

"Figlioli miei, amatevi tra voi. Cercate più quello che unisce che ciò che divide. Nell'ora dell'addio, o meglio dell'arrivederci, richiamo a tutto ciò che più vale nella vita: Gesù Cristo benedetto, il suo Vangelo, la sua santa Chiesa, la verità e la bontà. Tutti ricordo e per tutti pregherò... Arrivederci!".

Per una santa morte (4) up.jpg

O mio Creatore adorabile, vi chiedo la più importante di tutte le vostre grazie, cioè una santa morte. Deh! per quanto sia stato l'abuso che sin qui ho fatto della vita che mi avete donata, concedetemi di finirla nel vostro santo amore.

Che io muoia come i SS. Patriarchi, lasciando senza tristezza questa valle di Pianto per venire a godere una requie eterna nella mia vera patria.
Che io muoia come il glorioso San Giuseppe fra le braccia di Gesù e di Maria, alternando questi nomi dolcissimi che spero di benedire per tutta l'eternità.
Che io muoia come la Immacolata mia Madre Maria, nella carità più pura e col desiderio di unirmi all'unico oggetto dei miei amori.
Che io muoia come Gesù sulla croce col sentimento più vivo di odio al peccato, di carità verso di Voi, o Padre celeste, e di perfetta rassegnazione nelle mie agonie.

O Padre santo, nelle vostre mani consegno l'anima mia: abbiate pietà di me. Gesù morto per me, accordatemi la grazia di morire in un atto di perfetta carità verso di voi. Santa Maria, Madre di Dio, pregate per me, ora e nel punto della mia morte.
Angelo mio custode, miei avvocati non mi abbandonate nell'ora della mia morte.
S. Giuseppe, ottenetemi di morire della morte dei giusti.
Così sia.

A Maria SS. Immacolata (4) up.jpg

O Maria concepita senza peccato, pregate per noi, che ricorriamo a voi; o rifugio dei peccatori, o Madre degli agonizzanti, non vogliate abbandonarci nell'ora della nostra morte, ma otteneteci un dolore perfetto, una sincera contrizione, il perdono dei nostri peccati.

Otteneteci pure di degnamente ricevere il SS. Viatico, e di essere corroborati dalla estrema Unzione, cosicché possiamo presentarci sicuri innanzi al trono del giusto, ma misericordioso Giudice, Dio e Redentore nostro.
Così sia.

Preghiera di San Bernardo (4) up.jpg

Oh! Voi che siete la pace, il rifugio e la consolazione dei cuori turbati, restate con noi, perchè la nostra carità non si raffreddi e la luce non s'estingua nella notte, perchè il giorno declina e si fa sera.

Già è vicina la sera della mia vita, già il mio corpo cede alla violenza del dolore; la morte mi circonda, la mia coscienza si turba ed io tremo al pensiero del vostro giudizio.

Signore, Signore, si fa sera, il giorno declina, restate con noi. Io rimetto il mio spirito nelle vostre mani, la mia salute è in voi solo, e verso voi solo si leva il mio sguardo

Restate con noi, Signore, e nell'ultima mia ora l'anima mia, liberata dal giogo delle tribolazioni e del peccato, si prepari colla preghiera e coll'amore una dolce ospitalità nel seno di Dio.
Così sia.

NELL'ORA ESTREMA up.jpg

Per i moribondi (15) up.jpg

O Dio grande e misericordioso, che nella morte del Cristo hai aperto agli uomini la via della vita terrena, veglia sul nostro fratello N., nelle sofferenze dell'agonia, perchè unito alla passione del tuo Figlio, e asperso del suo Sangue Redentore, possa presentarsi con fiducia davanti al tuo volto.
Per Cristo nostro Signore. Amen.

Offerta per gli agonizzanti (4) up.jpg

Mio Dio, vi offro tutte le Messe che si celebrano oggi nel mondo intero, per i peccatori che sono in agonia e che debbono morire in questo stesso giorno. Il sangue prezioso di Gesù Redentore ottenga loro misericordia!

Invocazioni durante l'agonia (5) up.jpg

Maria, madre di grazia, madre di misericordia, proteggimi dal nemico, accoglimi nell'ora della morte.

Gesù, Giuseppe, Maria, vi dono il cuore e l'anima mia.
Gesù, Giuseppe, Maria, assistetemi nell'ultima mia agonia.
Gesù, Giuseppe, Maria, spiri in pace con voi l'anima mia.

Raccomandazione dell'anima (5) up.jpg

Quando sembra imminente il momento della morte, uno dei presenti può recitare, secondo le disposizioni spirituali del moribondo, l'orazione seguente:
Parti, anima cristiana, da questo mondo,

nel nome di Dio Padre onnipotente che ti ha creato,
nel nome di Gesù Cristo, Figlio del Dio vivo, che è morto per te sulla croce,
nel nome dello Spirito Santo, che ti è stato dato in dono;

la tua dimora sia oggi nella pace della santa Gerusalemme,
con la Vergine Maria, Madre di Dio,
con San Giuseppe,
con tutti gli Angeli e i Santi.

Ti raccomando, fratello carissimo, a Dio onnipotente:
ti affido a lui come sua creatura perché tu possa tornare al tuo Creatore, che ti ha formato dalla polvere della terra. Quando lascerai questa vita, ti venga incontro la Vergine Maria con gli Angeli e i Santi.

Venga a liberarti Cristo Signore, che per te ha dato tutto il suo Sangue; venga a liberarti Cristo Signore, che per te è morto sulla croce; ti accolga in Paradiso Cristo Signore, Figlio del Dio Vivo.

Egli, divino Pastore, ti riconosca tra le pecorelle del suo gregge, assolva tutti i tuoi peccati e ti riceva tra gli eletti nel suo regno.
Mite e festoso ti appaia il volto di Cristo e possa tu contemplarlo per tutti i secoli in eterno.
Amen.

Per concludere si invoca la Vergine SS., Madre dei morenti, recitando l'Ave Maria e la Salve Regina.

Salmo 18 (5-7) up.jpg

Mi circondavano flutti di morte,
mi travolgevano torrenti impetuosi;
già mi avvolgevano i lacci degli inferi,
già mi stringevano agguati mortali. nell'angoscia gridai al mio Dio:
dal suo tempio ascoltò la mia voce,
al suo orecchio pervenne il mio grido.

graffa.gifgraffa.gif

"Bisogna ascoltare Dio, per parlare bene agli uomini" (Facole).

Sommario: Nella tua casa Sommario: Insieme Home page
A.C.R.O. - Gruppo di Studi Rosacrociani di Roma