logo.gif
   SOMMARIO TESTI  |   HOME  |   ASSOCIAZIONE  |   FOGLIETTI  |   SITI AFFINI  

 

Gli spiriti Luciferici

a cura di Ian Mono

 

Le correnti desiderio del pianeta Marte, dimora degli spiriti Luciferici esiliati, sono mescolate con le correnti naturali dei piani terrestri in un modo unico per questi due corpi planetari. A causa di quest’interpenetrazione delle aure-desiderio, l’influenza luciferica, operante attraverso questo mezzo (di trasmissione), entra nell’atmosfera della Terra ed agisce sulla vita del nostro pianeta, particolarmente nella sua espressione emozionale.

Bisogna ricordare che, sebbene caduti, i Luciferici sono angeli. Coloro che hanno "occhi per vedere", dichiarano che essi possiedono la radiante bellezza ascritta agli dei. Si muovono in una vibrante luce sfavillante che scintilla di energia elettrica. L’attitudine di questi ardenti Esseri è di sfida e provocazione, e la loro nota-chiave è l’intensità mentale ed emozionale e l’estrema attività. Per queste ragioni, la loro coscienza è accelerata ed il loro progresso agevolato.

Essi adottano, dunque, ogni situazione che genera condizioni favorevoli alla loro espressione. Ispirano coloro che si trovano sotto la loro influenza con un indescrivibile desiderio d’essere liberi da ogni sorta di limitazione e schiavitù, di scandagliare abissi sconosciuti e di esplorare altezze nuove, sconfinate ed inesplorate. La vita che essi diffondono è affascinante, e con incredibile astuzia trasmettono il loro spirito di sfrenatezza a tutti quelli che contattano. Il risultato è che coloro che vengono influenzati, sperimentano un’inquietudine tale che spesso li conduce ad una irragionevole imprudenza. Quelli che possiedono un carattere impetuoso e senza paura, sono spontaneamente inclini verso i Luciferici; e se questo contatto diventa troppo stretto e prolungato, l’impulso di fare e sfidare diviene così intenso da essere irresistibile. Esso può giungere fino alla volontà di sacrificare ogni cosa, anche la stessa vita, per la ricerca di qualcosa che giace al di là della definizione e della comprensione.

Non è intenzione degli spiriti Luciferici infiammare i pensieri e le passioni dell’uomo fino alla sua distruzione. Essi desiderano semplicemente creare più vantaggiose condizioni per l’espressione delle loro attività altamente accelerate. Dove c’è sapienza e forza per dirigere le intense energie Luciferiche per finalità costruttive, esse favoriscono una sensibilità più acuta, una creatività vivificata ed un’aumentata consapevolezza.

Se l’uomo fosse in grado di dirigere tale intensa energia per usi costruttivi, i Luciferici sarebbero esclusivamente dei benefici portatori di luce. Ma a causa dell’incapacità dell’uomo di far questo, l’influenza luciferica ha determinato la sua Caduta, ed essa è ancora dannosa nei suoi effetti su di lui. Gli scienziati spirituali, conoscendo questi fatti, non fanno della debolezza dell’uomo una scusa per diffamare una classe di spiriti che, sebbene al di sotto degli Angeli, sono più avanzati dell’umanità. Essi sono i bambini di un amorevole Padre non meno della ribelle umanità, ed il Cristo sta offrendo la Sua vita per la redenzione di entrambi.

Nel mondo moderno l’influsso luciferico si manifesta fortemente come spirito di ribellione ed indipendenza. Esso spinge ad evadere il freno morale; fomenta i contrasti e le guerre; attira verso esperienze che danno forti emozioni ed eccitazione. La mania per la velocità è una delle sue manifestazioni. Nelle arti stimola lo spirito di libertà, talvolta fino all’abbandono delle regole, come nei versi liberi, nel jazz e nell’arte moderna.

Dopo che l’uomo fu esiliato nel piano della materialità, gli Angeli e gli Arcangeli, lavorando sotto la direzione del Cristo, cominciarono ad inondare la Terra con delle forze spirituali atte a neutralizzare le influenze limitanti sotto cui l’umanità era caduta. Se i Luciferici fossero rimasti con gli Angeli, questo lavoro sarebbe stato alquanto ostacolato. Ma come fu, ed ancora è, i Luciferici potrebbero influenzare l’uomo principalmente istigandolo ad azioni sconsiderate e distruttive, creando in tal modo un velo che gli impedisce di ricevere liberamente l’influsso delle benefiche forze dei livelli superiori.

L’atmosfera psichica della Terra è fortemente carica di pensieri negativi e distruttivi generati dall’umanità nel corso del tempo. Collettivamente, questi pensieri formano ciò che può essere descritto al meglio come un’entità elementale. Attraverso questa entità, i Luciferici operano incitando gli esseri umani ad accese controversie ed appassionati conflitti. Una componente importante del lavoro dell’uomo, ed anche dei più alti Esseri che lo assistono, consiste nel dissipare questa entità generando forze di carattere positivo. Ogni pensiero inviato nell’atmosfera che reca in sé qualità di pace, armonia e buona volontà, aiuta la realizzazione di questo obbiettivo. Di fronte al pensiero positivo delle masse, le entità negative si ritirano, dissolvendosi come la nebbia davanti ai raggi del Sole.

Alla luce di questa conoscenza, l’uomo può dirigere più saggiamente il suo cammino. La conoscenza è potere. Conoscendo la natura delle forze predominanti che sono costantemente in gioco dentro e sopra di lui, egli può utilizzarle coscientemente ed intenzionalmente a suo vantaggio. Le forze luciferiche sono soggette al suo controllo e possono essere trasmutate in poteri che vanno ad aggiungersi alla sua luce spirituale. La sua abilità nel far questo proviene in larga misura dall’assistenza che gli viene resa dal Cristo e dalle Sue Schiere. Armonizzandosi con il potere di redenzione del Cristo, l’uomo diviene maestro di sé stesso. A quel punto, il Signore Dio può dire che l’uomo è, non solo potenzialmente, ma realmente, come "uno di noi".

C’è un aspetto secondo il quale il rosso, marziale Marte e le ardenti schiere di Lucifero formano il Guardiano della Soglia della Terra. L’influenza che essi esercitano sulla natura-desiderio inferiore dell’uomo, deve essere superata e trasmutata prima che la Terra e la sua umanità possano raggiungere la libertà spirituale. Assistere l’uomo nel compiere questa impresa è una missione del Cristo. Gli Arcangeli hanno già effettuato questa trasmutazione e, di conseguenza, sono qualificati per condurre su questa via gli esseri che non hanno ancora ottenuto tale realizzazione. Come affermato in precedenza, il capo degli Arcangeli è il Cristo. Egli è il Redentore di Marte proprio come della Terra. La Sua missione si estende all’intero sistema solare il quale, essendo un’unità, soffre nella sua interezza gli effetti della Caduta dell’uomo. Poiché gli Arcangeli hanno completamente padroneggiato il problema della dualità, il migliore fra loro, il Cristo, fu abilitato ad assumere il ruolo di Redentore dei membri caduti di entrambi i regni angelico ed umano. A nessuno di condizione inferiore sarebbe stato possibile intraprendere questa gloriosa impresa. Alla luce di questi fatti, possiamo rileggere con rinnovata devozione le parole di Giovanni, quando ci dice: "Dio ci ha dato il Suo unico Figlio, perché chiunque crede in Lui abbia la vita eterna". Egli venne come la Via, la Verità e la Vita, rivelando all’uomo il modo ed i mezzi attraverso cui egli può salvare sé stesso.

Proprio come i Grandi Saggi della Terra hanno lavorato per anni al fine di preparare il mondo per la venuta del Cristo, così il Cristo ha lavorato per eoni con il sistema planetario preparandolo per l’opera di redenzione che Egli ha più tardi intrapreso con ciascuno dei pianeti contenuti al suo interno. Egli opera con i pianeti non soltanto dal centro Solare di cui è il Logos presidente (presiding), ma anche in maniera più diretta ed immediata, entrando nella vita di un pianeta dopo l’altro ed infondendo in ciascuno di essi il vero Spirito del Suo Essere, intonandoli così ai Suoi ritmi in accordo alla loro capacità di ricevere e rispondere (ad essi). Inoltre, il Cristo ha lavorato a lungo per unificare i poteri ed armonizzare i ritmi dei diversi pianeti, cosicché ciascuno potesse risuonare con sempre maggiore forza ed esattezza la nota che Egli ha stabilito per essi, sia individualmente, che collettivamente per l’intero sistema solare.

Gli abitanti della Terra e di Marte vivono in condizioni cristallizzate in maggior misura di quelle in cui si trovano le onde di vita di ogni altro pianeta; quindi, il lavoro di redenzione è più difficile ed urgente per queste due sfere legate dalle aure-desiderio di quanto lo sia per qualunque altro pianeta del nostro sistema solare. Se la tendenza alla cristallizzazione avesse proseguito senza alcuna contromisura, la restrizione della materia avrebbe raggiunto un punto in cui l’evoluzione della vita non sarebbe potuta andare più avanti. L’umanità terrestre allora, sarebbe divenuta incapace di proseguire sul suo corso prestabilito o di raggiungere il traguardo al quale era destinata in questo Giorno di Manifestazione. Questo è vero anche per i marziani. Cosmicamente, tale era la situazione che il Cristo decise volontariamente di correggere. Egli sta letteralmente dando la Sua vita per questo scopo.

Da quanto è stato detto, risulta chiaro che la Sua Opera di Redenzione è una attività presente ed ininterrotta. E’ per mezzo della continua effusione della Sua forza vitale, in special misura sui pianeti Terra e Marte e le rispettive umanità, che le incallite influenze della inferiore natura-desiderio sono contrastate, e la densità della materia è trattata in maniera tale da farle perdere la presa sulla vita che si manifesta dentro ed attraverso di essa.

Le radiazioni della dorata forza vitale del Cristo Cosmico inondano la Terra in azione ritmica, raggiungendo l’alta marea ogni anno al tempo del Solstizio d’Inverno. L’umanità riconosce il calore e la luce di questo Spirito d’Amore e Lo celebra con la Nascita del Cristo. Ed è così, poiché il Cristo è nato allora in potenza per l’intero pianeta, e l’umanità è toccata dalla presenza invisibile dell’amorevole Essere sacrificale che dona Se Stesso affinché, tutti quelli che si intonano con la Sua forza che eleva ed affranca, possano essere liberati dalla casa-prigione dei sensi e dalla vincolante limitazione della materia, e sorgere ad una rinnovata libertà di spirito ed alla vita eterna. La redenzione del Cristo non solleva l’uomo dall’incontrare le conseguenze delle sue azioni sbagliate, ma gli offre l’opportunità di rettificare gli errori passati e di creare per se stesso delle condizioni per mezzo delle quali andare avanti e realizzare il suo destino. Il Signore dell’Amore non annulla la Legge; Egli la porta a compimento.

Il declino dell’umanità nell’oscurità spirituale raggiunse la sua maggior profondità nei giorni in cui la Civiltà Romana dominava l’Europa. Il contatto diretto con la luce del Logos Solare fu persa anche dalla maggior parte delle Scuole dei Misteri. In quell’ora di cruciale necessità planetaria, il Cristo assunse l’Opera di redenzione della Terra e dell’umanità dall’interno dei corpi di entrambi, invece di agire dall’esterno come aveva fatto nei tempi passati. Egli fece questo attraverso la Sua Incarnazione nel Maestro Gesù e divenendo il Reggente della Terra.

Dopo la venuta del Cristo, l’eterizzazione delle condizioni terrestri, la sensibilizzazione dei veicoli dell’uomo e la purificazione dell’atmosfera psichica in cui viviamo, sono sufficientemente avanzate da rendere il contatto con la realtà spirituale più agevole all’umanità rispetto al tempo precedente il Suo Avvento di duemila anni fa. Tale contatto diventa più facile con ogni Suo ritorno annuale poiché, in questo tempo di cambio del ciclo, i processi sono accelerati. Nel periodo della Guerra Mondiale, furono disintegrate le forme che erano diventate troppo rigide ed inutilizzabili per ulteriori impieghi. Fu un tempo durante il quale la vita del pianeta si divincolò dalla prigione della materia, in cui non sarà mai nuovamente confinata. Quando il Cristo affermò che era venuto a portare una spada, è ragionevole presumere che Egli alludesse alla distruzione di tale limitazione e schiavitù.

 

La redenzione degli spiriti Luciferici

 

Il periodo della Guerra Mondiale segnò anche un momento epocale nell’evoluzione degli spiriti Luciferici. L’effetto disintegrante della loro influenza sull’umanità, raggiunse allora il suo punto culminante. Sia gli spiriti Luciferici che la razza umana, stanno entrambi diventando più sensibili alla purificazione tramite la Luce bianca del Cristo. Esistono un pentimento ed una salvezza per i Luciferici, così come vi sono per l’uomo. Entrambi si trovano in prigionia, ed entrambi vengono condotti verso la liberazione attraverso il potere vivificante del Cristo.

I Luciferici stanno cominciando a ritornare sui loro passi; essi stanno avanzando verso il cielo che hanno perduto. Non tutti. E’ per loro così come è pure per l’umanità. Alcuni si sono risvegliati, pentiti e schierati sotto l’insegna del Cristo Signore, servendo insieme con Lui nella redenzione dell’intero sistema solare.

La radianza e la bellezza dell’anima dei Luciferici che hanno accettato il Cristo come loro Capo, sono di una gloria indicibile. La loro aura rosso-oro, che li distingue dagli Angeli la cui radiazione è bianco-oro, sarà purificata dai desideri passionali per mezzo dell’infusione del potere sublimante del Cristo. La loro forza trasmutata formerà allora il Rubino, una gemma non meno brillante del Diamante. La vera Luce dello Spirito sarà riflessa splendidamente tanto dagli uni, quanto dagli altri.

I Luciferici redenti diventano collaboratori del Cristo nell’emancipazione dei loro fratelli e della razza umana dagli effetti della Caduta. I Luciferici rigenerati dunque, stanno esercitando una potente influenza verso il bene sui loro fratelli non rigenerati e sulla razza umana che un tempo condussero fuori strada. Non possedendo dei corpi fisici che riducono l’intensità della loro natura-desiderio, essi sono in grado di generare un più grande influsso su quest’aspetto dell’espressione umana, sia verso il bene che verso il male, di quanto possa l’uomo stesso. Essi possono agire su di lui direttamente, velocemente ed efficacemente.

Portatori di luce furono quando un tempo contattarono l’uomo e lo indussero a mangiare dell’Albero della Conoscenza, e portatori di luce sono anche attualmente, portando all’uomo ancor più del frutto di quell’Albero. La conoscenza che essi diedero all’umanità infante era prematura; la razza umana infatti, non era in grado di usarla con saggezza. Essa divenne uno strumento pericoloso, e costituì la rovina dell’uomo. Adesso invece, i Luciferici pentiti lavorano per correggere i precedenti errori servendo l’uomo: gli insegnano infatti a trasmutare la passione in compassione, ed in tal modo invertire il processo di morte e ritornare sulla via della vita.

I Quattro Angeli Archivisti (Toro-Scorpione e Leone-Acquario), in qualità di Signori ed arbitri del destino della Terra, stanno lavorando accuratamente con i Luciferici e con gli uomini allo scopo di reintegrare entrambi nell’alto stato in cui si trovavano prima della Caduta. Lo Scorpione ed il Leone collaborano insieme nel processo di trasmutazione. Il Toro aiuta a riparare gli errori del passato ed a liquidare i debiti contratti sotto la Legge di Conseguenza. L’Acquario consolida le forze della compassione, per cui mezzo gli impulsi del desiderio vengono trasformati in poteri animici.

I pianeti del nostro sistema solare sono uniti tramite un principio o grado vibratorio della sostanza universale a volte denominato Piano Intuitivo o Mondo della Coscienza Cristica. Ognuno dei pianeti può essere contattato direttamente da quelli che sviluppano questo principio all’interno della loro natura in misura sufficiente da poterlo utilizzare come veicolo di coscienza. Quando si è ottenuta questa capacità, il primo pianeta ad essere contattato è Marte. Accade questo perché la Terra e Marte, diversamente dagli altri pianeti, sono già strettamente connessi attraverso il Mondo Astrale. I ritmi delle correnti - desiderio che riguardano l’uno, riguardano anche l’altro.

I maghi Neri, fortemente caricati da propositi egoistici, sono in grado di proiettarsi attraverso queste correnti e visitare il pianeta rosso (Marte) a volontà. I maghi Bianchi contattano questo stesso pianeta, ed ogni altro, per mezzo di strade superiori create nella più alta essenza con cui il Cristo inonda l’intero sistema solare.

Nel Piano divino c’è sempre una misura di protezione per salvaguardare l’umanità e tutta la vita evolvente dalla distruzione, quale risultato della loro stessa ignoranza. A questo scopo, "Dio compie le Sue meraviglie in modo misterioso". La comunicazione tra gli abitanti della Terra e di Marte è in attesa della redenzione di una parte degli spiriti Luciferici. Se la via venisse aperta prematuramente, verrebbe ammesso un influsso di forza-desiderio di tale potenza che il suo uso indiscriminato da parte di persone egoiste determinerebbe un "crollo della materia ed un disastro nei mondi".

Mentre una tale catastrofe è stata evitata, le libere comunicazioni fra i due pianeti non saranno esenti dalla possibilità di altri pericoli. Le forze sinistre di questo piano entreranno nelle nuove condizioni, ma non con l’intensità sufficiente per sopraffare i poteri di coloro che si sono schierati dalla parte del Cristo, che include Esseri fra i Luciferici e fra le umanità di Marte e della Terra.

Da quando le fila di Lucifero hanno sofferto la perdita di quelli che hanno scelto di riguadagnarsi il ritorno alla più alta posizione che una volta occupavano, i restanti "ribelli" sono diventati più ostinati che mai a raggiungere i loro scopi in accordo alle loro vie auto-determinate. Essi, quindi, sono uniti per sferrare un terribile assalto alle aree-desiderio della natura umana. Nelle vite degli individui, esso si manifesta in una sfrenata licenziosità; nella vita delle nazioni, prende la forma di un esagerato nazionalismo e di smodate ambizioni che accecano le loro vittime riguardo ai legittimi diritti altrui. Nell’atmosfera psichica, esso causa dei vortici di forza che si precipitano sul piano fisico, generando calamità naturali. Più un individuo (o una nazione o una razza) è centrato su se stesso, maggiore è l’attrazione esercitata nei confronti delle forze distruttive. Contrariamente, più un individuo (o un popolo) diventa disinteressato ed altruista, meglio potrà entrare nell’aura protettiva delle radiazioni dorate del Signore dell’Amore e Principe della Pace.

Quando i Luciferici si schiereranno dalla parte del Cristo e collaboreranno con Lui nella Sua opera di redenzione, i loro vibranti poteri magnetici saranno mutati in forze curative. Il bagliore rosso-dorato delle loro aure sarà impregnato del balsamo rigenerante dello spirito. Tutta la vita sulla Terra sarà benedetta per mezzo della loro benefica assistenza. Questo servizio di guarigione all’umanità, sarà di tale grandezza ed importanza che farà avanzare i Luciferici nel loro viaggio di ritorno verso l’alta posizione nel Regno Angelico che sono destinati ad occupare nuovamente.

Le radiazioni curative dei Luciferici si manifesteranno tramite il calmante raggio verde – essendo il verde il colore complementare del rosso. Il verde è già distintamente percettibile nelle aure di questi Esseri semi-celesti che hanno nuovamente rivolto le loro facce verso la Luce.

Le leggende del Mistico Graal offrono informazioni aggiuntive su questo soggetto. Esse affermano che il Santo Calice fu foggiato con il grande e brillante smeraldo che formava il gioiello singolo della corona di Lucifero; esso cadde poi sulla Terra per esser stato colpito dalla spada di Michele al tempo della Guerra nei Cieli. Fu la luce di questo celeste gioiello, baluginante sulla fronte di Lucifero, che gli procurò il titolo di "radiosa stella del mattino". Lucifero e le sue ardenti schiere riconquisteranno il mistico smeraldo perduto da così lungo tempo attraverso la trasformazione dei loro mirabili poteri in una riserva di forza risanante, che adopereranno per aiutare e benedire tutte le creature che lottano e soffrono sulla Terra.

Antiche leggende affermano inoltre che i troni lasciati vacanti dagli Angeli caduti furono destinati alle anime umane, ma questo progetto fu reso vano dai Luciferici.

 

Nota del traduttore:

I testi originali in lingua inglese dei brani "Gli spiriti Luciferici" e "La redenzione degli spiriti Luciferici" sono stati estratti da: "New Age Bible Interpretation", vol. 1, pag 10-17, di Corinne Heline.

 

 

 

 

 


 

 
|   SOMMARIO TESTI  |   HOME  |   ASSOCIAZIONE  |   FOGLIETTI  |   SITI AFFINI  |  

A.C.R.O. - Gruppo di Studi Rosacrociani di Roma - 
Centro Autorizzato della Rosicrucian Fellowship
Centro promotore della Comunità Rosa+Croce Internazionale
.