logo.gif
   SOMMARIO TESTI  |   HOME  |   ASSOCIAZIONE  |   FOGLIETTI  |   SITI AFFINI  


IL VIAGGIO INTERIORE

Di Anna Maria Piantanida

 

 

"Diceva Gesù: La pagliuzza nell'occhio di tuo fratello la vedi. Ma la trave che è nel tuo occhio, quella, non la vedi..."

 

... ciò che rimproveriamo agli altri è spesso la "proiezione" di ciò che noi rimproveriamo a noi stessi; ma che non osiamo confessare. Ciò che sopportiamo meno negli altri sono i nostri propri difetti. Ascoltando certe conversazioni, s’impara più sulla persona che parla, che sulla persona di cui si parla.

Il viaggio interiore, la conoscenza del Sé, si fa con le proprie esperienze, accettate e vissute questo si chiama evoluzione: accettare, sperimentare, superare e andare oltre. La ribellione invece si chiama involuzione, non accettazione, porta a blocchi emotivi, disturbi psicosomatici e malattie fisiche. Accettare vuol dire essere n contatto con l’Io Superiore. La coscienza superiore conosce già il sentiero.

Nel nostro ordinario stato di ignoranza, vivendo soltanto nei pani bassi di esistenza, c’identifichiamo con i nostri corpi e le nostre menti più basse. Ci sentiamo diversi e separati dal mondo e dai nostri compagni esseri umani ed erigiamo barriere sociali, per sottolineare il senso di separazione psichica, muri di credo o casta, sesso, razza o nazionalità. Il falso senso di identificazione con il nostro sé più basso, ha provocato conflitti infiniti nella storia della terra.

Ma, di fatto, solo i nostri corpi fisici e le nostre menti consce e subconscie sono diverse e separate una dall’altra, a livello della mente superiore e dell’Infinito Sé, tutti sono Uno.

Coloro che hanno elevato le menti al di là dei livelli più bassi di esistenza, trascendono tutte le barriere psichiche e sociali e raggiungono la visione universale. Comprendendo che tutte le menti sono parte della Mente Universale, onde in quell’oceano di Infinita Coscienza, essi vedono ogni entità come espressione del Supremo e sentono un infinito fiume d’amore, emanare da loro verso tutti gli altri. Essi hanno abbracciato l’universo come sé stessi.

Una volta un poeta scrisse: " Egli disegno un cerchio e mi chiuse fuori…ma l’amore ed Io disegnammo un cerchio più grande e lo riprendemmo dentro". Il cerchio dell’amore di tali anime elevate è infinito, il suo centro è ovunque e la circonferenza da nessuna parte.

Tutto è stato creato per noi, andiamo avanti nella quotidianità, i nostri errori, le nostre sofferenze sono un trampolino di lancio per portarci a questa coscienza, a questo contatto con lo spirito.

Dio mette alla prova la nostra fede, ricordiamoci che in ogni incarnazione è la nostra anima che sceglie le prove, le esperienze, la religione, la razza, la nazione, non è un caso ma una scelta dell’anima.

Quando siamo usciti dal cuore del Padre per sperimentare sul piano terrestre, abbiamo accettato di scendere nel mondo delle illusioni, nel mondo della materia. La sofferenza non è un castigo, ma è una scuola, per raggiungere vibrazioni superiori, per chi fa il viaggio interiore, il ritorno al Padre, le prove sono la gioia dello spirito.

Tutto ciò che è esteriore a noi, ci lascerà prima o poi, ci crea delle limitazioni e noi soffriremo, c’è solo una cosa che non ci lascerà mai ed è la nostra energia.

Dobbiamo amarci in questo processo di trasformazione, dobbiamo iniziare il distacco dell’Ego, dell’emozioni, iniziare l’espansione della coscienza. Da millenni l’essere umano si è sviluppato progressivamente. Prima nella forma fisica più animale e poteva percepire vibrazioni di emozioni. Poi si sviluppò il cervello, la capacità di conoscere la storia antica. La formazione dei due emisferi del cervello, una parte razionale e l’altra intuitiva, lo portò alla perfezione dell’uomo animale. Ora siamo chiamati ad andare oltre all’animalità, oltre il corpo fisico.

Abbiamo un corpo di luce, anche se si vede solo l’involucro fisico. Staccarci da noi stessi è staccarci dalle nostre emozioni, per staccarci dalle emozioni dobbiamo imparare ad attraversarle.

Dietro la collera c’è una pena e dietro alla pena il bisogno di essere amati ed imparare ad amarci. Dobbiamo imparare questo vivendo fino in fondo le nostre emozioni, accettandole, accogliendole per capire qual è il bisogno nascosto dietro a queste emozioni. Dobbiamo raggiungere quello stato dove né lodi ne insulti possono cambiare ciò che noi siamo, non dobbiamo dare più potere alle emozioni che ci arrivano dall’esterno.

Il distacco dal mentale è l’accettare di spogliarci dalle vecchie strutture e mentalità, il mentale deve diventare un servitore. Il mentale, l’emozione e il corpo fisico sono sempre stati legati all’Ego.

Coloro che si sono lanciati alla ricerca del Sé, sono un po’ come i cavalieri del Graal. È necessaria una gran determinazione, una passione che non deriva certo dal piccolo ego condizionato.

Bodhidharma disse: "Quando la natura della Mente è compresa, non vi è discorso umano che la possa racchiudere o svelare".

L'Illuminazione non è una cosa da ottenere e colui che la raggiunge non dice che sa. Lo sviluppo dell’essere umano è fatto di una successione di espansione di coscienza. E’ lo sviluppo della coscienza polarizzata sulla personalità, verso la coscienza polarizzata sull’anima e, in seguito, verso una polarizzazione sulla monade, finché la coscienza non diventa divina.

 

Tratto da:

I segreti della mente ed. Rinascita universale

La conoscenza cosmica ed. Nuova impronta

 

 

 

 

 


 

|   SOMMARIO TESTI  |   HOME  |   ASSOCIAZIONE  |   FOGLIETTI  |   SITI AFFINI  |  

A.C.R.O. - Gruppo Studi Rosacrociani di Roma - 
Centro Autorizzato della Rosicrucian Fellowship
Centro promotore della Comunità Rosa+Croce Internazionale
.