logo.gif
|   SOMMARIO ASSOCIAZIONE  |   HOME  |   TESTI  |   FOGLIETTI  |   SITI AFFINI  |  

CHI SIAMO   

"Questo Insegnamento scientifico, filologico ed esauriente, viene impartito affinché l'uomo possa credere col cuore a ciò che la sua mente ha sanzionato, e possa cominciare a vivere la vita mistica." (Max Heindel)

 

Sommario:

 

 

L'ASSOCIAZIONE A.C.R.O. up.jpg

L’Associazione Rosacrociana A.C.R.O. è un’associazione di "Mistici Cristiani", che ha lo scopo di disseminare i meravigliosi insegnamenti sull’origine e lo sviluppo dell’Uomo e dell’Universo, dati al Mondo dai "Fratelli Maggiori", i soli qualificati a chiamarsi "Rosa+Croce".

La scelta di divulgare gli Insegnamenti tramite Internet, è data dalla grande possibilità che questo strumento dimostra, nell’arrivare in tempo reale a tutti gli "uomini" di buona volontà sparsi per il Mondo. La sua enorme diffusione e gli attuali mezzi che la moderna tecnologia mette a disposizione, ci consentono di arrivare a tutti quei fratelli di lingua Italiana che per un motivo o per un altro, non possono risiedere nel nostro straordinario paese ed inoltre, perché in questo difficile momento di recessione economica e possibile realizzare una "Scuola" per corrispondenza, a costi veramente contenuti.

Tramite Internet è possibile interagire direttamente col proprio correttore dei corsi, domandando e ricevendo, istantaneamente, le risposte ai nostri quesiti; è possibile anche dialogare direttamente, con la Sede Mondiale di OCEANSIDE (in lingua Spagnola, Francese o Inglese) affinché ogni studente, possa rilevare nei fatti, quanto sta acquisendo ed in particolare e possibile distribuire gli insegnamenti totalmente "Gratis et amore Dei", senza nessun obbligo di quote associative. I corsi sono aperti a chiunque, purché sia maggiorenne e s’impegni a non fare della conoscenza ricevuta fonte di guadagno ed a non praticare arti divinatorie o astrologia per professione. Ai corsi possono partecipare anche le persone residenti al di fuori dell'Italia, ma si tengono esclusivamente in lingua italiana. L’insegnamento è gratuito ad ogni livello, fedeli alla regola: "Gratis avete ricevuto, Gratis dovrete donare". E' richiesto  il solo rimborso delle spese vive di cancelleria, stampa ed invio per posta prioritaria del materiale cartaceo o per un eventuale acquisto dei libri. Le lezioni possono essere ricevute anche  per e-mail, ma le loro risposte devono essere sempre scritte a mano (con penna stilografica o biro) su di un foglio di carta bianco ed inviate per la correzione alla sede dell'Associazione A.C.R.O. allegando una busta pre-affrancata per il loro rinvio allo studente, in questo caso, ovviamente, non sarà richiesto nessun rimborso.

L’unico impegno che si richiede e riempire ed autografare la domanda d’iscrizione all’Associazione, in cui ci s’impegna a non fare dell’Insegnamento ricevuto, oggetto di lucro o di professione.

Ubbidienti alla frase evangelica che dice:

"Non sia dato ciò che è santo ai cani, né gettato ai porci le vostre perle, per timore che le calpestino con le loro zampe e che vi si rivoltino contro per sbranarvi". (Matteo: 7,6)

Lo scopo di quest’insegnamento è di fornire a tutti gli esseri umani di buona volontà, che pur cercando non hanno ancora trovato risposta ai loro interrogativi,  sulla loro origine e natura, sul loro destino, sul senso della vita ed il significato di certi avvenimenti, una "LUCE" migliore, una  conoscenza che può rischiarare gli enigmi, un filo conduttore che diriga le loro azioni, una base solida in mezzo alle mutevoli fluttuazioni del Mondo.

Quest’insegnamento tende a soddisfare l’intelletto ed il cuore ed è contemporaneamente scientifico e mistico; cerca di risolvere i misteri che ci circondano, ma cosa più importante, il "Cristianesimo dei Rosa+Croce" considera la comprensione di Dio e dell’Universo non un fine, ma il mezzo con il quale raggiungere lo scopo finale.

"Più l’intelletto è progredito, più grande è il pericolo di farne cattivo uso". 

È per questa ragione che tale insegnamento scientifico non è dato all’uomo, se non per aiutarlo a sviluppare progressivamente in lui ed attorno a lui, i sentimenti di un altruismo elevato, che potrà realizzare nel tempo, la "Fratellanza" universale.

L’Associazione Rosacrociana non è una setta che si aggiunge a tante altre e che pretende che in lei sola vi sia la salvezza, né un’organizzazione religiosa; è una grande scuola di pensiero che si sforza di fare del "Cristianesimo" un vero fattore vivente nel Mondo, cercando di convincere le persone ad accettare le dottrine cristiane, per mezzo delle conoscenze esoteriche, quando non possono farlo tramite la fede.

"Non cerca di sostituire l’opera della Chiesa, bensì di completarla".

Non ha scopi politici, ma cerca di guidare l’umanità verso una più ampia conoscenza ed un reale accrescimento di coscienza, per farle realizzare al fine, la "Sacra" fratellanza universale.

Incoraggia gli uomini a conservare le loro convinzioni religiose o filosofiche, qualunque esse siano, fintanto che vi trovano un conforto spirituale; rischiara di nuova luminosità le credenze, che nel tempo sono state velate, mostrandole sotto un nuovo aspetto, alle persone che le hanno abbandonate.

Ha per sede centrale la collina di Monte Ecclesia in Oceanside, California, U.S.A. che funge da collegamento fra i suoi membri ed i "Fratelli Maggiori" dell’Ordine Rosa+Croce.

La sede mondiale è direttamente collegata alle varie Associazioni affiliate, sparse in tutto il Mondo.

Inoltre, l'Associazione A.C.R.O. è uno dei tre Centri italiani, promotori della Comunità Internazionale Rosa+Croce

 

"Tutti i doni della Natura sono gratuiti. Anche la spiritualità è un dono di Dio, non dell'uomo. Perché dovrebbe essere venduta? Non è un prodotto smerciabile. La conoscenza deve essere trasmessa liberamente: bisogna forse pagare per il sole che splende su tutti noi? Perché allora dovremmo pagare per la conoscenza di Dio? È il dono di Dio e deve essere distribuito gratuitamente e senza riserve. Nessun vero Maestro accetterà mai nulla in cambio, darà liberamente". (Kirpal Singh)

 

Sede dell’ Associazione A.C.R.O.  

Via Capo Mele, 37 - 00122 Ostia Lido - Roma - Italia. 

La sede NON E' aperta al pubblico, per qualsiasi informazione scrivere per email o consultare il sito

 

      

 

LE BASI DEGLI INSEGNAMENTI ROSACROCIANI  up.jpg

 

L'Essenza.

1. Ogni uomo porta in sé una scintilla divina indivisa, con tutte le potenziali facoltà divine.

La Caduta.

2. Questa scintilla è nascosta alla coscienza dall'oscurità della materia in cui è immersa per ottenere l'autocoscienza, e come conseguenza abbiamo l'illusione della separatività.

Il Piano di Salvezza.

3. Annualmente il Cristo torna, a Natale, sulla Terra per diffondere, come un diapason, la vibrazione che consenta all'uomo di risvegliare la scintilla divina dormiente in lui.

Il Maestro Interno.

4. Non è possibile indurre questo risveglio in un altro, ma ciascuno deve operarlo in sé, dando una direzione universale a tutto ciò che fa, desidera e pensa, aprendosi all'ascolto dei suggerimenti della scintilla divina.

La Nuova Gerusalemme.

5. L'uomo potrà così uscire dall'oscurità e tornare alla Luce dalla quale proviene, trasformando in dinamiche le facoltà della scintilla divina interiore.


ANTICHE VERITÀ IN VESTE MODERNA up.jpg

 

"... un Rosa+Croce è colui che è arrivato, tramite il superamento dell'uomo animale, alla diretta conoscenza dell'uomo divino che è in lui, l'Angelo nell'uomo. In altre parole un uomo nel quale è fiorita la ROSA della conoscenza divina e riconosce se stesso, come figlio di Dio messo in CROCE nella materia. Un tale uomo, riconosce il Padre non solo nel proprio interno, ma in tutti gli esseri del creato, nei quali Dio, più o meno, si manifesta,  a seconda del grado di evoluzione raggiunto dalle creature stesse..." F. Hartmann

 

Christian Rosenkreuz e l'origine dell’ordine Rosa+Croce

(tratto dal libro "La Cosmogonia dei Rosacroce" di Max Heindel)

 

Il desiderio di conoscere qualcosa sull’Ordine dei Rosa+Croce è molto diffuso, abbiamo notato che perfino tra i nostri studenti non è ben compreso, il ruolo importante, rivestito dai Fratelli della Rosa+Croce, nella nostra Civiltà Occidentale. Crediamo utile fornire qualche informazione in proposito.

Nel Mondo, tutto è soggetto a delle "Leggi", anche la nostra evoluzione; l’avanzamento fisico e quello spirituale, procedono di pari passo. Il Sole è il portatore della luce fisica e, come sappiamo, si sposta apparentemente da Oriente ad Occidente, portando successivamente luce e vita a tutte le parti della Terra. Ciò nonostante il Sole visibile è soltanto una parte del Sole, come il corpo visibile è una piccola parte dell’uomo intero. C’è un Sole invisibile e spirituale le cui irradiazioni favoriscono lo sviluppo animico, successivamente, su ogni parte della Terra, come il Sole fisico favorisce la crescita delle "Forme", anche quest’impulso spirituale procede nella stessa direzione del Sole fisico; da Est ad Ovest.

Sei o settecento anni prima del Cristo, una nuova ondata di spiritualità ebbe inizio sulle coste orientali dell’Oceano Pacifico per illuminare la nazione cinese e la religione di Confucio, è professata attualmente da molti milioni d’abitanti del Celeste Impero. In seguito notiamo gli effetti di quest’ondata spirituale, che diedero nascita alla religione del Buddha, un insegnamento che ebbe lo scopo di illuminare le aspirazioni di milioni d’indù e di cinesi occidentali. Nel suo cammino verso Occidente essa appare fra i Greci più intellettuali, nelle sublimi filosofie di Pitagora e Platone e finalmente, si spande nel Mondo Occidentale fra i pionieri della razza umana, ove assume l’elevata forma della religione cristiana.

La Religione Cristiana si è gradatamente aperta la via verso Occidente, fino alle spiagge dell’Oceano Pacifico, dove le aspirazioni spirituali si sono raggruppate e concentrate. Qui raggiungeranno la pienezza, prima di attraversare nuovamente l’Oceano ed inaugurare in Oriente, un più elevato e sublime risveglio spirituale di quello che ora vi sia.

Allo stesso modo di come si alternano con ininterrotta successione il giorno e la notte, l’estate e l’inverno, il flusso e riflusso, secondo la Legge dei cicli alterni, così l’apparizione in una parte qualunque del Mondo di un’ondata di risveglio spirituale, è seguita da un periodo di reazione materialistica, in modo, che il nostro sviluppo sia meglio equilibrato.

La Religione, l’Arte e la Scienza appaiono come i tre mezzi più importanti dell’educazione umana e formano una triade, che non si può scindere, senza falsare il nostro punto di vista, su qualunque ricerca.

La vera Religione comprende tanto la scienza che l’arte, poiché essa insegna a trascorrere una vita equilibrata, in armonia con le leggi della Natura.

La vera Scienza è artistica e religiosa, nel senso più elevato della parola, perché essa c’insegna a rispettare e ad osservare le leggi che governano il nostro benessere e ci spiega, perché la vita religiosa, conduca alla salute ed alla bellezza fisica.

La vera Arte è educativa quanto la scienza e la sua influenza è grande, quanto quella della religione. Nell’architettura troviamo la più sublime rappresentazione delle linee di forza cosmica nell’universo. Essa riempie l’osservatore che abbia tendenze spirituali, di una grande e potente devozione e adorazione, nate dalla concezione della grandezza e maestosità della Divinità. La scultura, la pittura, la musica e la letteratura, c’ispirano il sentimento della bellezza trascendente di Dio, sorgente immutabile e meta di questo meraviglioso Mondo.

Nulla, all’infuori di un così universale insegnamento, potrà mai rispondere in maniera permanente ai bisogni dell’umanità. Vi fu un tempo in cui, in Grecia, la Religione, l’Arte e la Scienza erano insegnate congiuntamente nei Templi dei Misteri. Ciò nonostante fu necessario, per migliorare lo sviluppo di ciascuna di loro, che si separassero per un certo tempo.

La Religione dominò da sola nell’oscuro Medio Evo. Durante quel tempo essa tenne soggetta tanto la Scienza che l’Arte, legando loro mani e piedi. Successivamente venne il periodo del Rinascimento e le Arti rifiorirono in tutte le loro forme. La Religione però si manteneva potente e queste ben presto, si prostituirono, mettendosi al servizio della Religione. Infine è venuta l’ondata della Scienza moderna, la quale con mano di ferro, ha soggiogato la Religione.

Ignoranza e superstizione hanno fatto un danno indescrivibile.

Fu a pregiudizio del Mondo che la Religione mise in ceppi la Scienza. L’Ignoranza e la Superstizione cagionarono un danno indescrivibile e nonostante ciò, l’uomo mantenne allora, un elevato ideale spirituale; egli sperava in una vita più pura e migliore. È infinitamente più disastroso vedere la Scienza uccidere la Religione, poiché ora, perfino la Speranza, che è l’unico dono che gli Dei hanno lasciato agli uomini nel vaso di Pandora, può svanire davanti al Materialismo e all’Agnosticismo trionfanti.

Tale stato di cose non può continuare. Dovrà esserci la reazione spirituale. Nel caso in cui così non fosse, l’anarchia spezzerebbe il Mondo. Per evitare tale calamità, la Religione, la Scienza e l’Arte, devono unirsi in un’espressione più alta del Buono, del Vero e del Bello, ancora più alta di quella che aveva raggiunto, prima della loro separazione.

Gli eventi che stanno per manifestarsi, proiettano anticipatamente la loro ombra e da quando le Grandi Guide dell’umanità, hanno costatato la tendenza verso l’ultramaterialismo che sta ora ergendosi nel Mondo occidentale, hanno preso alcuni provvedimenti per controbatterlo e cambiarne, al momento opportuno, il cammino. Non hanno voluto soffocare la nascente Scienza, come questa ha cercato di fare con la Religione, poiché vedono il buono che da ultimo deriverà, quando una Scienza più spiritualizzata, sarà di nuovo la cooperatrice di una Religione più intelligente.

Tuttavia, una Religione Spirituale, non potrà amalgamarsi con una Scienza materialistica, come l’olio non può mescolarsi all’acqua. Allora si compia ogni sforzo, nel tentativo di spiritualizzare la Scienza e rendere scientifica la Religione.

Nel XIII° secolo, un gran maestro spirituale, che prese il nome simbolico di Christian Rosenkreuz, apparve in Europa, per cominciare tale opera. Egli fondò il misterioso "Ordine" dei Rosa+Croce, con lo scopo di rischiarare alla luce dell’occultismo, la non compresa religione "Cristiana" e per spiegare i misteri della vita e dell’essere, dal punto di vista scientifico ed in armonia con la Religione.

Molti secoli sono trascorsi dalla sua incarnazione col nome di Christian Rosenkreuz, il fondatore della scuola dei Misteri che porta il suo nome e da molti la sua esistenza, è perfino ritenuta una leggenda. Tuttavia la sua nascita come Christian Rosenkreuz, segnò il principio di una nuova era nella vita Spirituale nel Mondo Occidentale. Fin da allora questo particolare "Ego" si è costantemente reincarnato, nell’uno o nell’altro dei paesi europei. Egli ha preso un nuovo corpo ogni qualvolta i suoi veicoli avevano perduto la loro utilità o quando le circostanze, imponevano il cambiamento del luogo o delle sue attività. Inoltre, attualmente, è di nuovo in un corpo fisico ed è un Iniziato d’alto grado, un fattore potente e attivo in tutti gli avvenimenti dell’Occidente, benché al Mondo sia sconosciuto.

Egli lavorò con gli antichi alchimisti, secoli prima dell’avvento della scienza moderna. Col concorso di un intermediario egli ispirò, quelle che oggi sono le mutilate opere di Bacone. Jacopo Boheme ed altri, ricevettero per suo mezzo l’ispirazione che dona alle loro opere un così grande potere d’illuminazione Spirituale. Nelle opere dell’immortale Goethe e nei capolavori di Wagner ritroviamo la stessa influenza. Ogni Spirito intrepido e audace, che rifiuta gli impacci sia della scienza sia della religione ortodossa, rifugge dalla schiavitù e cerca di penetrare nei regni spirituali senza mire di gloria o di vanità, trae le sue aspirazioni dalla stessa sorgente che dissetò e tuttora disseta, il grande Spirito che animò Christian Rosenkreuz. Il suo stesso nome, esprime il modo ed i mezzi, coi quali l’uomo moderno è trasformato in un "Super" uomo divino.

Il Simbolo Rosacrociano:  up.jpg

Questo simbolo: Christian Rosenkreuz " Cristiano (con la) Rosa (e con la) Croce " indica lo scopo e l’oggetto dell’evoluzione umana, la via da percorrere ed i mezzi coi quali tale fine è conquistato. La croce bianca, il verde stelo della pianta, le spine, le rose sanguigne, nascondono la soluzione dei misteri del Mondo: l’evoluzione passata dell’Uomo, la sua attuale costituzione e in modo particolare, il segreto del suo futuro sviluppo.

Questo simbolo, tacito per il profano, evidente all’Iniziato, sempre più chiaramente com’egli debba lavorare giorno per giorno per produrre con le proprie forze la più rara di tutte le gemme, la Pietra Filosofale, molto più preziosa del diamante Ko-hi-noor; ancora più preziosa di tutte le ricchezze terrene. Gli ricorda come adesso l’umanità, nella sua ignoranza, sperperi follemente la sostanza rara della quale dispone, invece di servirsene per la formazione di quest’inestimabile tesoro.

Per mantenere fedele e risoluto l’Iniziato, attraverso ogni circostanza, la Rosa+Croce, per meglio ispirarlo, esalta la gloriosa ricompensa riservata a colui che sa vincere e indica il Cristo, come la Stella della Speranza, il "primo frutto", che forgiò questa meravigliosa "Pietra", durante la "Sua" incarnazione nel corpo di Gesù. Certe ricerche hanno rivelato, che in tutti i sistemi religiosi c’è un insegnamento riservato agli eletti e non divulgato alla moltitudine. Anche il Cristo parlò alla moltitudine con parabole; ma spiegò il loro significato recondito ai Suoi discepoli, per dar loro in tal modo, una comprensione più profonda e più adatta al loro "Spirito" più sviluppato.

San Paolo dava "latte" ai bambini, ossia ai più giovani membri della comunità; ma dava "carne" ai forti, che avevano fatto studi più profondi. Di conseguenza c’è sempre stata un’istruzione segreta o interna ed una pubblica,e quest’insegnamento segreto, era impartito nelle Scuole dei Misteri, le quali sono andate via via trasformandosi, per adattarsi ai bisogni dei popoli in mezzo ai quali erano chiamate a lavorare.

L’Ordine dei Rosa+Croce non è semplicemente un’associazione segreta; esso è una delle Scuole dei Misteri ed i Fratelli, sono Ierofanti dei Misteri Minori, Custodi dei Sacri Insegnamenti e costituiscono, una potenza spirituale molto potente, nella vita del Mondo Occidentale, di qualsiasi governo visibile, sebbene essi non possano interferire sugli uomini, fino al punto di privarli del loro libero arbitrio.

Poiché il processo evolutivo, dipende sempre dal temperamento individuale dell’aspirante, gli sono offerti due Sentieri: la via "Mistica" e quella "Intellettuale". Il mistico è ordinariamente privo di condizioni intellettuali; egli segue i comandi del cuore e mira a fare la volontà di Dio come lui la sente, innalzandosi senza avere la coscienza di una meta ben definita ed alla fine, consegue la conoscenza. Nel Medio Evo, la gente non era così intellettuale com’è oggi e chi sentiva la vocazione verso una vita più elevata, generalmente seguiva la via mistica.

Ma in questi ultimi secoli, sin dall’avvento della scienza moderna, un’umanità più intellettuale ha popolato la Terra; il cervello ha completamente soprafatto il cuore, il materialismo ha dominato tutti gli impulsi spirituali e la maggior parte degli esseri pensanti, non credono, se non a ciò, che possono toccare, provare o manipolare. Per cui è necessario appellarsi alla loro intelligenza, per ottenere che il proprio cuore, abbia il permesso di credere a quello che l’intelletto a sancito. Per rispondere a questa richiesta, l’insegnamento Rosacrociano dei Misteri, tende a mettere in relazione i fatti scientifici con le verità intellettuali.

Nel passato questi insegnamenti sono stati tenuti nascosti a tutti ad eccezione di pochi eletti; anche oggi, essi sono fra i più misteriosi e segreti insegnamenti del Mondo Occidentale. Tutte le cosiddette "scoperte" del passato, le quali sembravano rivelare i segreti dei Rosa+Croce, furono il risultato di frodi o di tradimenti da parte di qualche "profano" che abbia potuto, accidentalmente o in altro modo, aver raccolto dei frammenti di conversazione impenetrabili a tutti, eccetto a coloro, che ne possedevano la soluzione. É possibile vivere sotto lo stesso tetto e nella più stretta intimità, con un Iniziato di qualsiasi scuola; ma il suo segreto rimarrà sempre nascosto nel proprio petto, fino a che l’amico, non sarà giunto al punto di dover divenire un "fratello" Iniziato. La rivelazione di segreti non dipende dalla Volontà dell’Iniziato; ma dalle qualità dell’aspirante.

Come è costituito l’Ordine dei Rosa+Croce:  up.jpg

Alla maniera di tutti gli altri Ordini dei Misteri, l’Ordine dei Rosa+Croce è formato secondo linee cosmiche: se prendiamo delle piccole sfere d’uguale grandezza e cerchiamo di sapere quante n’occorrono per coprire e nascondere una di loro, scopriremo che ne servono 12 per nascondere la tredicesima. La divisione finale della materia fisica, il vero atomo dello spazio interplanetario, presenta ugualmente questo raggruppamento di 12 intorno ad "Uno". I 12 segni dello Zodiaco che circondano il nostro sistema solare, i 12 semi-toni della scala musicale che formano l’ottava, i 12 Apostoli che si raccolsero intorno al Cristo, ecc., sono altrettanti esempi di questo raggruppamento di 12 intorno ad uno. L’Ordine dei Rosa+Croce è perciò composto da 12 Fratelli più un tredicesimo, che è il capo dell’Ordine.

Le 12 Gerarchie Creatrici:  up.jpg

Occorre notare tuttavia, certe altre divisioni. Abbiamo visto, che nella Schiera Celeste delle 12 Gerarchie Creatrici, attive nel nostro piano evolutivo, cinque si sono ritirate verso la liberazione, lasciandone solamente sette ad occuparsi del nostro ulteriore progresso. È in armonia con questo fatto che l’uomo odierno, l’Ego interno, il microcosmo, si manifesti all’esterno, attraverso sette aperture evidenti nel suo corpo fisico: due occhi, due orecchi, due fosse nasali ed una bocca, mentre i cinque altri orifizi sono totalmente o parzialmente chiusi, come le mammelle, l’ombelico ed i due orifizi escretori.

Le sette rose rosse, che adornano il nostro magnifico emblema, con dietro la radiante stella a cinque punte, sono i simboli delle dodici Grandi Gerarchie Creatrici, le quali hanno assistito il vergineo Spirito Umano, evolutosi attraverso i precedenti stati, minerale, vegetale ed animale, quando era ancora privo di coscienza ed incapace d’avere la minima cura di se stesso, nel più ristretto senso della parola. Di queste dodici schiere di Grandi Esseri, tre classi hanno lavorato per e con l’uomo, di loro spontanea volontà e senza alcun obbligo di farlo.

Queste falangi, sono simbolizzate dalle tre punte della stella del nostro emblema, rivolte verso l’alto. Altre due di queste Grandi Gerarchie, sono sul punto di ritirarsi e sono simbolizzate, dalle restanti due punte della stella che irradiano verso il basso. Le sette rose rosse rivelano, che vi sono ancora sette Grandi Gerarchie Creatrici attive, nello sviluppo di tutti gli esseri della Terra e siccome tutte queste diverse classi, dalla più piccola alla più grande, non sono altro che parte dell’Unico Grande Tutto, che noi chiamiamo Dio, l’emblema è nel suo insieme un simbolo di Dio in manifestazione.

L’Assioma Ermetico che dice: "Così in alto così in basso" e gli istruttori superiori dell’umanità, sono raggruppati secondo le stesse linee cosmiche di sette, cinque ed uno. Sulla Terra esistono sette scuole dei Misteri Minori, cinque dei Misteri Maggiori ed il tutto è raggruppato, intorno ad un Capo Centrale chiamato il "Liberatore".

I 14 Fratelli dell'Ordine Rosa+Croce:  up.jpg

Nell’Ordine dei Rosa+Croce, sette Fratelli lavorano nel Mondo, nei luoghi in cui le circostanze lo richiedano, apparendo come uomini ed operando nei loro invisibili veicoli, con o per il prossimo; però, deve tenersi ben presente, che essi non influenzano mai le persone che non lo desiderino; ma spronano ad operare il bene ovunque lo trovino.

I rimanenti cinque Fratelli non lasciano mai il "Tempio" e benché posseggano corpi fisici, tutto il loro lavoro è compiuto nei Mondi Invisibili.

Il tredicesimo Fratello è il Capo dell’Ordine, l’anello di congiunzione di un Consiglio Centrale Superiore, composto dagli Ierofanti dei Misteri Maggiori i quali non trattano mai, con la comune umanità, ma soltanto con i graduati dei Misteri Minori.

Il Capo dell’Ordine è nascosto al Mondo esterno dai dodici Fratelli, come la piccola sfera menzionata precedentemente nell’esempio. Perfino gli allievi della Scuola non lo vedono mai; ma alle funzioni serali nel Tempio, la Sua presenza è "avvertita" da tutti, nel momento del suo ingresso. Questo è il segnale perché inizi la cerimonia.

Attorno ai Fratelli della Rosa+Croce raccolti con i loro discepoli, vi è un certo numero di "Fratelli Laici" che abitano in ogni parte del Mondo Occidentale, essi hanno la capacità di lasciare coscientemente i propri corpi, partecipando alle funzioni ed al lavoro spirituale del Tempio, essendo stati "Iniziati" da uno dei Fratelli Maggiori. I più, sono in grado di ricordare le loro esperienze; ma in alcuni casi, in cui la facoltà di lasciare il proprio corpo fu acquisita in una precedente incarnazione consacrata al bene, si è costatato che le malattie contratte nella vita presente, avendo comportato l’abuso di medicinali, hanno reso il loro cervello inabile a ricevere le impressioni del lavoro svolto dal loro Ego, fuori del corpo.

 

PERCHÉ L'ASSOCIAZIONE ROSACROCIANA
NON È UNA SETTA
up.jpg

 

Definizione di "setta":

Si usa il termine "setta", per qualificare un movimento religioso, e viene sempre attribuito dalla religione socialmente dominante. Nel tempo ogni "setta" può diventare "Chiesa", e ogni "Chiesa" può diventare "setta", mutando le rispettive condizioni. Il termine di per sé evoca semplicemente il movimento di coloro che seguono un profeta e il suo messaggio. Ma evoca anche la separazione di un piccolo gruppo, che assume vita propria staccandosi da una Chiesa esistente o da un'altra setta. Simile gruppo si baserà su se stesso e sulle proprie convinzioni.

Il solo modo di discernere fra il "movimento valido" e quello "inaccettabile", è quello di verificare se, al suo interno, esistano o meno delle "tendenze settarie". Queste tendenze sono sempre pericolose, qualunque sia il gruppo (o la Chiesa) all'interno del quale si manifestano.

Le tendenze settarie (1).  up.jpg

Si può parlare di "tendenze settarie" quando si riscontrano:

  1. Alienazione delle persone. Questo può accadere a seguito di pressione mentale e condizionamento psicologico che non rispettano e privano del libero arbitrio. Dette pressioni sono particolarmente nocive quando si tratta dei giovani che stanno attraversando il delicato periodo di strutturazione dell'io. Solitamente viene praticato il martellamento ideologico in sessioni intensive, viene ridotto il tempo di sonno ed è richiesta la separazione dalla famiglia.

  2. Manipolazione della Parola di Dio. Tale azione viene intrapresa con il proposito di dar credito e stabilire la dottrina del movimento, anche al prezzo di semplificazioni abusive. Un esempio potrebbe essere l'interpretazione della Bibbia fatta con l'intento di definire in quale data fu creato Adamo, quanti uomini saranno salvati, o stabilire la data della fine del mondo.

  3. Speculazione finanziaria. Numerosi gruppi al giorno d'oggi considerano la religione come un semplice prodotto da vendere, l'oggetto di un fruttuoso marketing spirituale. I responsabili di tali gruppi si comportano come i "mercanti del tempio".

  4. Chiusura ideologica del gruppo. Questa chiusura comporta una visione limitata della realtà: l'unica dottrina sicura è quella del gruppo e solo lui può fornire una certezza. Ovviamente, quando si pretende di essere autosufficienti, si perde di vista la giusta visione universale delle cose. Alcuni gruppi arrivano perfino a chiedere il ripudio di ogni altra relazione, tranne che con gli scritti al movimento: se si incontrano estranei, l'unico scopo è quello di convertirli.
    Da questo punto di vista, sono "settarie" anche tutte quelle persone intolleranti e di strette vedute che non riescono ad accettare altre opinioni che non siano le loro. Sulla loro bocca appaiono più spesso parole di giudizio e condanna, piuttosto che di amore e comprensione. Esse affermano di parlare "nel nome della Verità" ma, in effetti, parlano del LORO modo di PERCEPIRE la Verità.

Nel quadro dell'Associazione Rosacrociana:  up.jpg

  1. Corsi per corrispondenza proposti dall'Associazione. Coloro che hanno compiuto 18 anni, e si iscrivono a uno o più Corsi, sono liberi in ogni momento di interromperli semplicemente non rispondendo alla lezione inviata, senza che venga loro richiesta alcuna giustificazione. Anche la presenza agli incontri ed alle riunioni è completamente facoltativa. È dunque altrettanto facile entrare nell'Associazione, quanto di uscirne.

  2. Verità della Bibbia. L'Associazione consiglia la lettura della Bibbia, ma ricorda che non sarebbe saggio prendere "alla lettera" tutto ciò che vi sta scritto.
    Di fatto, la Bibbia è stata tradotta, trascritta, edita e riedita, così tante volte che si sono naturalmente verificate delle distorsioni. Alcune sono state commesse involontariamente dai copisti; altre per l'interpretazione personale del copista ed altre ancora per adeguarsi al volere dei capi religiosi del momento. Anche gli studiosi biblici riconoscono che la Bibbia odierna rappresenta solo parzialmente gli insegnamenti originali.

  3. Gli insegnamenti esoterici. In tutte le religioni, è stato dato alla moltitudine un insegnamento adatto a loro (exoterico); esso non conteneva che le nozioni più elementari, ma un aspetto più profondo (insegnamento esoterico) fu riservato a coloro che erano pronti a comprenderlo, ed avevano meritato, tramite la loro vita, la comprensione dei Misteri. A tal proposito S. Paolo ci dice: "Ora, chi si nutre ancora di latte è ignaro della dottrina della giustizia, perché è ancora un bambino. Il nutrimento solido invece è per gli uomini fatti, quelli che hanno le facoltà esercitate a distinguere il buono dal cattivo". (Eb 5:13-14)
    Sono anche molto esplicite le parole di Gesù di Nazareth ai suoi discepoli: "A voi è stato dato di conoscere i Misteri del Regno dei cieli, ma a costoro soltanto in parabole". (Mt 13:11)
    Gli insegnamenti proposti dall'Associazione Rosacrociana si basano appunto sugli insegnamenti che vennero riservati "ai pochi" in grado di comprenderli. Non vi è quindi alcuna manipolazione della parola di Dio, ma un livello più alto della sua interpretazione.

  4. Lato finanziario. Per diventare membro dell'Associazione Rosacrociana non è richiesta alcuna quota. Infatti, uno dei suoi tratti distintivi, è il principio del servizio disinteressato. Il medesimo principio si applica anche ai Corsi per corrispondenza gestiti da alcuni studenti che provvedono gratuitamente all'invio delle lezioni ed alla correzione delle risposte inviate dagli studenti.
    È ovviamente auspicabile che lo studente contribuisca affinché l'Associazione possa far fronte alle spese necessarie per la stampa delle lezioni ed il loro invio tramite posta. Tutto ciò a piena a discrezione del donatore.
    Da quanto esposto si può chiaramente desumere il carattere finanziariamente disinteressato della diffusione degli Insegnamenti Rosacrociani.

  5. Libertà individuale. L'Associazione non cerca in alcun caso di togliere agli associati i loro punti di riferimento, siano essi la famiglia, la professione, le amicizie o la religione. Al contrario, l'ideale dello studente rosacrociano è quello di servire nel luogo in cui si trova o dove le circostanze lo pongono, senza separarsi dal mondo e tanto meno dai suoi cari.

 

 

Non perdete tempo a sospirare... (2) up.jpg

Non perdete tempo a sospirare,
 dietro a cose straordinarie, impossibili.

Non aspettate sognando,
 che vi spuntino ali angeliche.

Non disdegnate di essere un fioco lumicino,
 non tutti possono essere stelle...
 ma illuminate qualche angolo oscuro
 facendo luce lì, dove siete.

L'umile candela ha la sua funzione,
 al pari dello splendido sole,
 e la più umile azione diventa nobile
 quando è compiuta con dignità.

Forse non sarete mai chiamati
 ad illuminare lontane regioni oscure,
 perciò assolvete la vostra quotidiana missione
 brillando lì, dove siete.

 

 

Riferimenti bibliografici up.jpg

  1. Padre Jean Cernette, Les Sectes.
  2. Max Heindel, Insegnamenti di un Iniziato.
    Edizioni del Cigno - Peschiera del Garda, Verona.

 

 

 

 

 

 


 

 

SOMMARIO ASSOCIAZIONE  |   HOME  |   TESTI  |   FOGLIETTI  |   SITI AFFINI  

A.C.R.O. - Gruppo di Studi Rosacrociani di Roma - 
Centro Autorizzato della Rosicrucian Fellowship
Centro promotore della Comunità Rosa+Croce Internazionale
.