logo.gif

SOMMARIO ASSOCIAZIONE  |   HOME  |   TESTI  |   FOGLIETTI  |   SITI AFFINI 

 

MAX HEINDEL

 

La storia della Rosicrucian Fellowship è la vicenda di un uomo, che desiderava ardentemente apprendere, per aiutare l’umanità. Quest’uomo è Max Heindel, un esempio vissuto d’abnegazione e di servizio.

Nato il 23 Luglio 1865 da una famiglia di nobili origini, con il nome di Karl Ludwig Von Grasshoff, che sostituì più tardi con lo pseudonimo di "Max Heindel". A 16 anni entrò nella scuola navale di Glasgow (Scozia) dove divenne ingegnere nautico. Lavorò quindi come capo macchina in un bastimento con il quale navigò ed ebbe modo di conoscere le usanze di molti paesi. Per molti anni ebbe l’incarico di Capo Tecnico su di un bastimento delle linee Cunard, che faceva spola tra l’Europa e l’America.

Dal 1865 al 1901, fece il consulente tecnico nella città di New York; nel frattempo prese moglie e da questo matrimonio nacquero due bambine ed un maschietto.

Max Heindel

Nel 1903 si trasferì a Los Angeles (California) dove ebbe inizio il suo interesse per gli studi metafisici, si mise in contatto la società Teosofica locale e né divenne ben presto, il vice presidente. Carica che ricoprì dal 1904 al 1905, anno in cui la moglie lasciò il suo corpo fisico.

In questi anni si accese in lui un forte interesse per lo studio dell’Astrologia, che egli apprese con gioia, poiché si era dimostrata una chiave idonea, per comprendere la misteriosa e profonda natura umana.

Nel 1905 si ammalò di cuore in modo assai serio, a causa dello stress dovuto alla sua inquietudine di conoscere sempre di più. Ricoverato in ospedale, ebbe modo di passare molto tempo fuori del proprio corpo, studiando la verità, come si può trovare solamente nei piani invisibili. Quando il suo stato di salute gli permise di riprendere la sua vita abituale, utilizzò le informazioni così acquisite per presentare cicli di conferenze.

Questo lavoro lo tenne occupato fino al 1907, nel cui autunno un amico, riuscì a convincerlo ad intraprendere un lungo viaggio per Berlino, città in cui avrebbe potuto conoscere una persona, a dir poco, straordinaria.

Preso da entusiasmo, Max Heindel intraprese il viaggio, ma purtroppo, la persona indicatagli non ebbe molto da offrirgli e perciò si ritirò stanco ed amareggiato nella sua camera d’albergo. Se ne stava tranquillo a rimuginare sul suo destino, quando gli apparve, vestito di un luminoso corpo eterico, un “Essere”, che più tardi si sarebbe rivelato come uno dei "Fratelli Maggiori della Rosa+Croce". Costui gli offrì il suo aiuto, in modo che Max Heindel potesse colmare le lacune che i suoi studi non avevano colmato.

Le argomentazioni che egli trattò, furono quanto di più logico e chiaro, di quanto Max Heindel non avesse fino allora ascoltato; in un secondo tempo gli propose anche un vero e proprio piano d’insegnamento, a patto però, che egli avesse tenuto segreto quanto appreso.

Questo patto, non si accordava per nulla con il vivo desiderio che il nostro personaggio nutriva in cuor suo, in altre parole, conoscere la verità per poterla poi diffondere ed aiutare in tal modo l’umanità sofferente. La sua risposta fu perciò quanto decisa, quanto negativa.

Dopo un mese il Maestro riapparve; sorridendo disse a Max Heindel che aveva superato la prova di generosità a cui era stato sottoposto. Gli disse pure che un altro candidato non aveva superato la prova e che era tenuto sotto osservazione già da alcuni anni, come una possibile alternativa. Poi aggiunse che gli insegnamenti che avrebbe ricevuto, sarebbero dovuti essere divulgati entro il primo decennio del XX° secolo.

Questo non era un impegno senza difficoltà, poiché si era già alla fine del 1907 ed il termine sarebbe scaduto nel dicembre del 1909.

Max Heindel fu quindi istruito sul come raggiungere il Tempio della Rosa+Croce, posto vicino al confine tra la Boemia e la Germania. Qui egli spese circa un mese a scrivere la prima bozza della "Cosmogonia", mentre riceveva gli insegnamenti dai Fratelli Maggiori.

Egli era molto soddisfatto del suo scritto, ma i Fratelli Maggiori gli predissero che una volta raggiunta l’America non gli sarebbe piaciuto più di tanto, poiché l’atmosfera elettrica di quella nazione avrebbe cambiato la sua sensibilità a riguardo.

La predizione si rivelò esatta, perché tornato in America si mise all’opera e lo riscrisse completamente in pochi mesi di durissimo lavoro. Cadeva il settembre del 1908, quando Max Heindel si sollevò dalla sua scrivania con il lavoro terminato, stanco ma soddisfatto.

Trasferitosi a Columbus (Ohio) trovò molte persone interessate alle sue conferenze e creò il primo Centro Rosacrociano. In quei tempi, si dava anche da fare realizzando della pubblicità al suo lavoro e scrivendo a tal scopo, degli articoli su dei giornali locali; cose queste, che gli condussero un bel gruppo d’interessati.

Dopo aver fatto una ventina di conferenze a Columbus, si trasferì a Seattle (Washington) dove un amico editore ed altri, intervennero nel preparare il manoscritto per la stampa finale. Alla fine lo portò a Chicago, dove fu finalmente pubblicato.

Questo lavoro fu alquanto gravoso, perché consisteva in una serie di stampe preliminari e della correzione delle medesime. "Se non fosse stato per l’aiuto dei Fratelli Maggiori", disse Max Heindel, "non avrei di certo terminato, era comunque un loro compito e mi diedero la dovuta assistenza. Quando il lavoro fu terminato mi ritrovai in ogni caso molto stressato".

Era il novembre 1909, quando la "Cosmogonia" fu pubblicata nella sua veste definitiva. Le copie stampate furono circa duemila e vennero quasi tutte immagazzinate presso una signora, che gestiva un locale pubblico. Essa trovandosi nei debiti, usò questi volumi per pagare i suoi creditori e ciò creò la necessità di una seconda edizione, per far fronte alle richieste che arrivavano da Seattle.

Lo scoraggiamento per la perdita di oltre due terzi delle copie stampate, a causa della signora di cui sopra, si tramutò ben presto in una gran gioia, perché la stessa, le aveva spedite a persone interessate a quel tipo d’insegnamento e fece pertanto, un’ottima pubblicità al volume, che a quei tempi era pressoché sconosciuto.

Dal novembre 1909 al marzo 1910, Max Heindel partecipò a molte conferenze che conseguirono un gran successo, ma nella seconda metà di marzo il suo debole cuore già malato, cedette di nuovo, costringendolo ad un altro ricovero in ospedale.

Fu durante la sua degenza in ospedale che il Maestro gli riapparve, annunciandogli che un nuovo incarico lo attendeva: il privilegio di offrire al mondo una nuova scienza di guarigione. Recatosi spiritualmente nel Tempio, gli furono consegnate delle formule atte a preparare una sostanza spirituale (la panacea) in grado di ridare agli spiriti dei sofferenti, quel controllo sui loro veicoli che eventualmente si fosse ridotto o annullato.

Il Tempio ove può essere preparata la panacea, fu inaugurato nel Natale del 1920, prima che scadesse la seconda decade del secolo. Il Tempio (l’Ecclesia) diede il mezzo per creare delle influenze più forti nel combattere le malattie. Vi si tengono, ad intervalli regolari, degli incontri e vi partecipano i Fratelli Maggiori. Questo lavoro è anche supportato dagli Ausiliari Invisibili, che sono dei probazionisti localizzati in ogni parte del mondo.

La sede attuale è situata su una posizione dominante d’Oceanside (California) dalla quale si gode una meravigliosa vista dell’oceano Pacifico.

Non bisogna dimenticare che la California offre un’atmosfera molto eterica, che facilita di molto lo sviluppo spirituale. L’inizio dei lavori di costruzione risale al 1911. Oggi vi si trovano un Santuario, un Tempio per i servizi di guarigione ed uno stabile di due piani per l’amministrazione. Al primo piano vi è una tipografia, dove sono stampati i libri e la rivista dell’Associazione che porta come nome "Rays of the Rose Cross" (I raggi della Rosa Croce).

Tratto dal libro: "The birth of the Rosicrucian Fellowship" (La nascita dell’Associazione Rosacrociana) pubblicato dalla Rosicrucian Fellowship, Oceanside, California,  U.S.A.


graffa.gif


Max Heindel, nella decina d’anni che ha vissuto su questa Terra, dopo aver incontrato il Fratello Maggiore, ha dedicato moltissimo del suo tempo e delle proprie energie alla stesura di diversi libri, inerenti gli Insegnamenti dei Maestri della Saggezza Occidentale, qui di seguito ne forniamo un elenco. A beneficio dei nostri  visitatori, i titoli sottolineati, potranno essere scaricarli, direttamente e gratuitamente, da questo sito.

 

 
 

  SOMMARIO ASSOCIAZIONE  |   HOME  |   TESTI  |   FOGLIETTI  |   SITI AFFINI  |  

A.C.R.O. - Gruppo di Studi Rosacrociani di Roma - 
Centro Autorizzato della Rosicrucian Fellowship
Centro promotore della Comunità Rosa+Croce Internazionale
.