logo.gif
   SOMMARIO LETTERE  |   HOME  |   MAPPA DEL SITO  |   NOVITÀ  |  CRESCERE 2 

 

CRESCERE INSIEME NELLO SPIRITO

LA LUCE DELL'ANIMA

Realizzazione: Dr. Mario Rizzi

  PER CONOSCERE L’UOMO ED IL SUO DESTINO

 

Presentazione:

Oggi stiamo vivendo in un periodo straordinario, ove tutto è in movimento, viene portato in superficie e traspare. In questi periodi l'uomo dimentica che la vita non è un palcoscenico su cui esibirsi e recitare delle parti o un campo di giochi per divertirsi, ma un'Aula di Apprendimento dove imparare delle lezioni, un laboratorio dove fare esperienza per crescere, maturare ed evolvere. In questi periodi l'uomo perde la capacità di collegare gli effetti alle loro vere cause. Più egli decade nella materia e più perde la capacità di veder il cammino da intraprendere. Perde la visione della vita e come dice un antico aforisma: "Quando perde la visione, il popolo muore".

Vivere meglio, per noi, significa gestire ben il nostro corpo, raggiungere la serenità mentale e camminare sul sentiero che conduce alla realizzazione spirituale. Significa riuscire a gestire la propria vita con una alimentazione regolata, la comprensione di noi stessi, degli altri e del motivo per cui ci troviamo ospiti su questo pianeta; significa altresì intraprendere quelle azioni senza le quali la nostra permanenza su questa terra risulterebbe inutile o dannosa per noi stessi e agli altri.

La nostra esperienza ci porta a ritenere che ciò sia possibile, seppur con qualche difficoltà, quando l'individuo si rende conto che i suoi problemi (salute, denaro, affetti, ecc.), dipendono in gran parte dal suo modo di agire e reagire al mondo circostante ed al bagaglio che si è portato appresso dalle vite passate.

A questo proposito è risaputo che il Cattolicesimo, a differenza dell'Induismo, Buddismo ed altre religioni, non insegna che l'anima, creata da Dio, può sviluppare le sue potenzialità utilizzando un corpo dopo l'altro. fintanto che, raggiunto un certo grado di perfezione, non avrà più la necessità di "rinascere" in un corpo fisico ed avrà conseguito la "resurrezione dalla carne". La mancanza di queste informazioni, offre una visione della vita umana molto limitata, perché priva di spiegazioni logiche e razionali sul suo scopo e le sue prospettive future.

Ci sembra giusto ricordare che, fino al 543 d.C., la Dottrina della rinascita, diffusa da alcuni Padri della Chiesa Cristiana tra cui Origene, occupava un posto importante. Fu in occasione del Sinodo tenutosi in tale data a Costantinopoli che venne deciso di punire chi ne avesse parlato. Pertanto, e lo vogliamo sottolineare, non è stato condannato l'insegnamento per sé, bensì la sua diffusione.

Abbiamo voluto precisare questi fatti perché non è possibile delineare un percorso di crescita spirituale, se non si conosce da dove si proviene e quale dovrebbe essere la direzione da prendere per andare avanti. Quando un individuo, arriva a comprendere quanto la sua vita attuale dipenda dagli effetti, le cui cause egli stesso ha generato, allora, e solo allora, diventa responsabile ed inizia a vivere facendo in modo di sistemare il Karma (debiti e crediti) del passato e cercando di crearsene uno buono per il futuro.

Sapienza antica o Esoterismo

Se vuoi progredire cerca ciò che è eterno. La vita spirituale non consiste nell'andare in chiesa, accendere ceri, confessarsi, dare qualche spicciolo ai poveri e mormorare qualche preghiera. No, la vera spiritualità è una qualità della vita e sottintende un contatto con la vita celeste, pura, armoniosa, perfetta. Infatti "spirituale" significa che lo spirito si manifesta, che la Divinità si manifesta (Omraam Mikhael Aivanhov).

In tutte le religioni esiste un insegnamento pubblico (exoterico) ed uno riservato per coloro che sono pronti a riceverlo (esoterico). Le informazioni esoteriche, permettono di dare un profondo significato alla sofferenza, alla morte ed al destino dell'uomo. Attualmente, la mancanza di questo insegnamento da parte della Chiesa, sta facendo allontare dalla medesima le persone che non si accontentano dei dogmi di fede, ma desiderano delle risposte logiche alle domande che si pongono sul destino umano, la morte e la sofferenza.

Esiste una grande differenza tra religione e spiritualità. La RELIGIONE, lo dice il nome stesso (che deriva da "religere" o rilegare), stabilisce una serie di regole seguendo le quali ci si può avvicinare a Dio. La SPIRITUALITÀ è la caratteristica di un modo di vita in cui non servono più il codice penale e quello civile, perché l'individuo vive bene naturalmente, seguendo i dettami che gli giungono dalla scintilla divina presente nel suo cuore.

Vi sono diversi passi nel Vangelo in cui le parole del Maestro, in modo assai chiaro, alludono all'insegnamento esoterico presente nella Chiesa di allora. Una di queste, che altrimenti non avrebbe significato, recita: "Non date le cose sante ai cani e non gettate le vostre perle dinanzi ai porci" (Mt 7:6). Va ricordato che, in quei tempi, la parola "cane" indicava anche coloro che "erano fuori", ovvero non facevano parte di un gruppo di persone che perseguivano un interesse comune.

Un altro passo, in cui Gesù chiaramente allude a coloro che "erano fuori" e perciò non pronti ad un certo tipo di informazione, recita: "Ora quando Egli fu solo, coloro che lo seguitavano coi dodici, lo domandarono della parabola. Ed Egli disse loro: A voi è dato il mistero del regno di Dio, ma a coloro che son di fuori tutte queste cose si propongono per parabole" (Mc 4:10,11 - Lc 8:9,10).

Marco specifica questo fatto in modo assai chiaro dicendo: "E con molte di tali parabole esponeva loro la parola, secondo che potevano intendere. E non parlava loro senza similitudine; ma in disparte egli dichiarava ogni cosa ai suoi discepoli" (Mc 4:33,34).

Molto esplicita anche la frase di Gesù quando dice ai suoi Apostoli: "Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non sono ancora alla vostra portata." (Gv 16:12).

Anche S. Paolo si è pronunciato spesso al riguardo di un insegnamento riservato ai pochi, da lui definito come Misteri. Abbiamo scelto due suoi brani che sono estremamente eloquenti:

"Io, fratelli, sinora non ho potuto parlare a voi come a uomini spirituali, ma come ad esseri carnali, come a neonati in Cristo. Vi ho dato da bere latte, non un nutrimento solido, perché non ne eravate capaci. E neanche ora lo siete; perché siete ancora carnali: dal momento che c'è tra voi invidia e discordia, non siete forse carnali e non vi comportate in maniera tutta umana?" (1 Cor 3,1-3).

"Tra i perfetti parliamo, sì, di sapienza, ma di una sapienza che non è di questo mondo, né dei dominatori di questo mondo che vengono ridotti al nulla; parliamo di una sapienza divina, misteriosa, che è rimasta nascosta, e che Dio ha preordinato prima dei secoli per la nostra gloria. Nessuno dei dominatori di questo mondo ha potuto conoscerla; se l'avessero conosciuta, non avrebbero crocifisso il Signore della gloria. Sta scritto infatti:

  • quelle cose che occhio non vide, né orecchio udì,
  • né mai entrarono in cuore di uomo,
  • queste ha preparato Dio per coloro che lo amano" (1 Cor 2,6-9).


Quando e perché venne perso l'insegnamento

Tratto da: Il Cristianesimo esoterico. di Annie Besant.
Edizioni Adyar, Settimo Vittone (TO).

Le convulsioni sociali e politiche che accompagnarono la morte dell'impero romano cominciarono a minarne la vasta compagine e anche i Cristiani furono presi nel vortice degli interessi egoistici in contrasto. Troviamo ancora allusioni sparse circa la speciale conoscenza impartita ai capi ed agli insegnanti della Chiesa: conoscenza delle Gerarchie celesti, istruzioni date dagli Angeli, ecc.

La mancanza di discepoli adatti, fece comunque in modo che i Misteri cessassero come istituzione pubblicamente riconosciuta e l'insegnamento venisse dato sempre più segretamente a quelle anime, ognor più rare, le quali, imparando la purezza e la devozione, si mostravano capaci di riceverlo. Non si trovarono più Scuole dove venivano impartiti gli insegnamenti preliminari e con la scomparsa di esse la porta fu chiusa.

Note:  Questo "percorso di crescita" è stata realizzato utilizzando brani di autori diversi, al fine di offrire del materiale scelto, che presenti una facile consultazione e, nel contempo, offra un'ampia panoramica riguardante lo Spirito ed i processi Spirituali. Ringraziamo perciò tutti gli autori, antichi e moderni che con il loro lavoro ne hanno permesso la realizzazione, e ci scusiamo qualora, per impossibilità, errore o distrazione, non abbiamo citato la fonte originale del materiale presentato.

I brani nel cui titolo compare un numero, così come quelli usati come citazione e seguiti da un numero tra parentesi, rappresentano un testo originale, tratto dal volume il cui titolo è riportato nei Riferimenti bibliografici.

Tutti i testi proposti sono di proprietà dei legittimi proprietari, pertanto il responsabile garantisce la sua piena disponibilità ad eliminare immediatamente qualsiasi materiale che rappresenti violazione di COPYRIGHT degli aventi diritto.

 

 

CLICCA QUI per andare al sommario del percorso "La Luce dell'Anima" o  "CRESCERE INSIEME" 1


|   SOMMARIO LETTERE  |   HOME  |   MAPPA DEL SITO  |   NOVITÀ  |   CRESCERE 2 
 

 

A.C.R.O. - Gruppo di Studi Rosacrociani di Roma - 
Centro Autorizzato della Rosicrucian Fellowship
Centro promotore della Comunità Rosa+Croce Internazionale
.